Sciopero generale: Cgil e Uil, a Ferrara e in Emilia-Romagna adesione al 70%

“Uno sciopero riuscito con adesioni a Ferrara di oltre il 70% tra gli operai, stesse percentuali nei settori del pulimento, oltre il 65% nell’agro-alimentare, buona adesione nei servizi pubblici, quasi 50% in settori del commercio e del trasporto fino a raggiungere il 100% in molti cantieri dell’edilizia. Uno sciopero generale – sottolineano Cristiano Zagatti (Segretario Generale Cgil Ferrara) e Massimo Zanirato (Segretario Generale Uil Ferrara) – che segna l’inizio del cambiamento. Oggi si è resa visibile quella parte del paese, tanto ampia, che non trova nella attuali scelte politiche risposte alle proprie necessità”.

“A Milano e Roma da Ferrara per dar voce a chi oggi è inascoltato. Da parte del Governo mancano risposte alla precarietà dei giovani e di larga parte del mondo del lavoro, serve cancellare in fretta tutte quelle forme contrattuali che tolgono dignità e prospettiva”. Piazze che hanno denunciato l’inequità della revisione delle misure fiscali e la distanza che c’è tra il “Palazzo” e la vita reale di milioni di giovani, lavoratori e lavoratrici, pensionati e pensionate.

“Piazze che vogliono dal governo investimenti per politiche industriali che creino occupazione di qualità e non regalie alle imprese che poi indisturbate delocalizzano all’estero le loro produzioni. Piazze che non hanno ancora visto un impegno concreto sulla riforma delle pensioni, e che chiedono investimenti e assunzioni per sanità e sociale. Piazze che esigono trasformare il Paese superando le troppe disuguaglianze sociali e che non sono più disposte ad assistere al loro rafforzamento”” concludono i due segretari confereali provinciali

 

IN REGIONE L’adesione allo sciopero generale in Emilia-Romagna è al 70% e nei grandi gruppi industriali la percentuale è superiore. Lo fa sapere la Cgil, che con la Uil ha indetto la mobilitazione contro la manovra. “Una grande partecipazione alla manifestazione, grandi risultati di adesione allo sciopero generale di Cgil e Uil.

Questo è il momento di dare delle risposte a questa gente che ha deciso di rinunciare a una giornata di paga, di venire a manifestare. E’ il momento dell’equità. Ci sono le risorse e le opportunità. Nei prossimi giorni ci saranno tavoli con il Governo. Non dimentichiamo giustizia ed equità sociale”, ha detto il segretario generale della Cgil Emilia-Romagna Luigi Giove, che ha partecipato alla manifestazione a Milano

(ansa.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *