Scippatore seriale incastrato dal Dna

abati
Paolo Abati, accusato di essere uno “scippatore seriale”

Un aumento anomalo di scippi, borseggi e rapine a donne, soprattutto ad anziane, che preoccupò e mise in allarme la Polizia di Stato.

Dopo indagini e riscontri anche tramite esami del Dna, gli agenti hanno arrestato per i reati di furto con strappo e furto con destrezza un ferrarese 44enne, Paolo Abati, già finito in carcere nel 2011 per furti simili.

Almeno undici episodi criminosi contestati dal 18 aprile al 15 maggio a Ferrara ma anche a Porotto. In particolare, la Squadra Mobile, gli contesta, tra gli altri, il reato di scippo in danno di una pensionata 81enne.

Il 2 maggio, in sella ad uno scooter in Corso Giovecca a Ferrara, l’uomo avrebbe strappato la borsa alla signora, facendola cadere a terra. Un altro furto contestato risale a pochi giorni dopo, l’11 maggio, in via Recchi: vittima una donna ferrarese, alla quale è stata presa la borsetta nel cestino della sua bicicletta.

Secondo la Polizia di Stato, il modus operandi è risultato sempre lo stesso: il malvivente, utilizzando di volta in volta due diversi scooter di piccola cilindrata, uno di colore azzurro, uno di colore nero, si affiancava alle vittime a bordo delle loro biciclette, per poi scipparle. In alcuni episodi il malvivente indossava un casco di colore giallo, in altri un casco di colore scuro ed in altri ancora un casco di colore bianco, per tentare di non essere identificato.

La Polizia di Stato ferrarese invita le vittime degli episodi di scippo a contattare gli uffici della squadra mobile per ulteriori dichiarazioni in merito agli episodi incriminati o avessero riconosciuto il malvivente in foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *