Scippi e rapine in centro, arrestati due persone – FOTO

Mustapha Jadir
Mustapha Jadir

Aveva sparso terrore nelle vie del centro storico ferrarese, per oltre tre mesi.

Mahamad Faida, conosciuto come l’uomo nero per via del cappuccio con cui si mascherava mettendo a segno i suoi colpi, era poi stato arrestato a metà dello scorso mese di maggio. Sette gli episodi di cui deve rispondere, tra rapine, furti e scippi di borse, portafogli e cellulari, ai danni in cinque casi di donne, con una trascinata a terra e in due, di uomini, uno bloccato e

Soufyan Rlab
Soufyan Rlab

pesantemente minacciato e l’altro picchiato fino a procurargli la frattura del naso per rubargli il cellulare.

Dopo l’arresto del marocchino, catturato mentre attendeva, in stazione di salire su un treno diretto a Venezia, le indagini erano proseguite per individuare i suoi complici, visto che le vittime

Faida Mahamad
Faida Mahamad

avevano sostenuto di essere state affrontate da due o tre uomini.

Al termine di una serie di attenti controlli e verifiche, gli uomini della polizia di stato, sono così risaliti a due connazionali di Mahamad Faida, il 19enne Rlab Soufyan, bloccato dalla Polizia ferroviaria lo scorso 25 luglio e Jadir Mustapha, 40 anni, rintracciato il 7 agosto dai Carabinieri di Pontelagoscuro.

Il terzetto si trova ora in carcere a Ferrara, mentre rimane il sospetto che possano essersi resi colpevoli di altri simili episodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.