Screen4Care: Unife e Pfizer guidano il consorzio internazionale per accelerare la diagnosi delle malattie rare

Se ne conoscono ben 7 mila, per un totale di decine di milioni di persone colpite nella sola UE: sono le malattie genetiche rare, patologie che colpiscono meno di una persona ogni duemila. Spesso gravi e multisistemiche, queste malattie possono determinare nei pazienti, per il 70% pediatrici, rischi di patologie croniche, irreversibili e permanenti.

Proprio per la loro rarità, il percorso che porta alla diagnosi è spesso una vera e propria odissea: si calcola che in media la diagnosi specifica arrivi dopo otto anni, fatti di innumerevoli consulti medici, diagnosi errate e trattamenti inefficaci. Un ritardo diagnostico che rappresenta un onere per i pazienti, per le loro famiglie e per la società, oltre che un ostacolo a un rapido intervento.

Ridurre significativamente il tempo richiesto per la diagnosi delle malattie rare è l’ambizioso obiettivo di Screen4care, progetto della durata quinquennale coordinato dall’Università di Ferrara e da Pfizer. Con un budget totale di 25 milioni di euro stanziati dall’Innovative Medicines Initiative dell’Unione Europea e della Federazione Europea delle Industrie e delle Associazioni Farmaceutiche (EFPIA), Screen4care coinvolge 21 partner accademici, 9 partner industriali e 4 piccole e medie imprese.

Il team riunisce esperti in genetica, clinica, bioinformatica, gestione e standardizzazione dei dati, imaging per la fenotipizzazione, etica e ricerca sulle preferenze di salute, modellazione analitica delle decisioni e sicurezza informatica. Al consorzio partecipa anche come partner EURORDIS, che raccoglie le associazioni di pazienti con malattie rare in Europa, partner centrale per promuovere un dialogo solido e garantire che le esigenze e le preferenze della comunità delle malattie rare supportino l’avanzamento del progetto.

“Screen4Care utilizzerà lo screening genetico neonatale e nuove metodologie digitali per raggiungere l’obiettivo di accelerare la diagnosi delle malattie rare – spiega la Professoressa Alessandra Ferlini di Unife, coordinatrice scientifica del progetto -. La strategia multidisciplinare prevede innanzitutto uno screening neonatale genetico basato su tecnologie “next generation sequencing” su 18mila neonati in Germania, Repubblica Ceca e Italia. Lo screening neonatale genetico è considerato uno strumento efficace per una diagnosi precoce al “tempo zero”, considerando che circa il 72% delle malattie rare hanno una causa genetica e che il 70% dei pazienti con malattie rare sono pediatrici”.

“Il progetto disegnerà e svilupperà nuovi algoritmi che sono basati su ‘machine learning’, cioè su metodi che analizzano ampi ‘data sets’ clinici e in particolare le cartelle cliniche elettroniche e i ‘big data’ sanitari – continua Ferlini – Questi algoritmi consentiranno l’identificazione di pazienti in uno stadio precoce della malattia attraverso un database di ‘verificatori di sintomi’ che sarà poi tradotto una applicazione digitale (App Symptom checker) e disponibile sia per clinici che per pazienti con modalità comunicative appropriate”.

Oltre all’obiettivo di sviluppare una piattaforma per la diagnosi precoce delle malattie rare, il progetto intende stabilire un’infrastruttura digitale e un ecosistema per coinvolgere pazienti, neo-genitori e caregivers come responsabili allo stesso livello delle decisioni nel processo di diagnosi, in una comunità multi-orientata.

L’ecosistema fornirà una piattaforma di “open innovation”, che consentirà la continua raccolta dei dati e lo scambio di informazioni, favorendo lo sviluppo di una diagnostica di nuova generazione e consentendo a medici, pazienti e “caregivers” di prendere decisioni informate e condivise basate su informazioni trasparenti e accurate, in una fase precoce delle patologie.

Il gruppo Screen4Care della Genetica Medica Unife è composto da Alessandra Ferlini, Maria Sofia Falzarano, Rachele Rossi, Francesca Gualandi, Rita Selvatici, Marcella Neri, Stefania Bigoni, Fernanda Fortunato.

(Comunicato stampa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *