Scuole superiori, prefetto Ferrara: “Pronte a ripartire in sicurezza”

Comunicato a cura della Prefettura di Ferrara

Il Prefetto Michele Campanaro ha presieduto in mattinata, in videoconferenza da palazzo don Giulio d’Este, una riunione del Comitato provinciale dell’ordine e la sicurezza pubblica per un aggiornamento sull’andamento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 nel ferrarese, in vista della riapertura delle Scuole secondarie superiori.

prefetto ferraraAll’incontro hanno partecipato il Presidente della Provincia Nicola Minarelli, l’Assessore all’istruzione di Ferrara Dorota Kusiak, il Sindaco di Cento Fabrizio Toselli, il Sindaco di Comacchio Pierluigi Negri, il Sindaco di Codigoro Alice Zanardi, il Direttore sanitario dell’Azienda USL Emanuele Ciotti, il Direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Elda Longhitano, il Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale Veronica Tomaselli, l’Amministratore Unico dell’Agenzia per la Mobilità – AMI Giuseppe Ruzziconi, con il Direttore Michele Balboni, il Vice Questore Vicario Federica Ferrari, il Comandante provinciale interinale dei Carabinieri Fabrizio Gubbiotti ed il Comandante provinciale interinale della Guardia di Finanza Michele Sciarretta.

Aprendo i lavori, il Prefetto Campanaro ha richiamato i contenuti del decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri nella serata di ieri, con l’introduzione di ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza da Covid-19: in particolare, la previsione, per il periodo tra il 7 ed il 15 gennaio 2021, del divieto di spostarsi tra regioni, salvo il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione; nonché, l’applicazione, nei giorni di sabato 9 e domenica 10 gennaio 2021, delle misure previste per la cosiddetta “zona arancione”, sull’intero territorio nazionale. In forza delle richiamate misure, il Prefetto ha quindi sensibilizzato tutti gli attori della sicurezza, presenti e coinvolti nei dispositivi di controllo, ad una rimodulazione delle misure in atto a partire dalla giornata del 7 gennaio prossimo, tenuto conto della necessità di ottimizzare le risorse in campo in ragione della gravosità dell’impegno, dedicando particolare attenzione ai centri urbani, in quanto aree di maggiore affollamento in cui si possono verificare fenomeni di inosservanza, anche involontaria, delle misure di distanziamento interpersonale.

Il Prefetto ha, quindi, ricordato che il decreto-legge appena approvato è intervenuto anche sull’organizzazione dell’attività didattica nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, con la previsione della ripresa dell’attività in presenza, per il 50 per cento degli studenti, a partire dal prossimo 11 gennaio.

“Oggi abbiamo preso atto che gli impegni assunti nel Documento Operativo sul coordinamento dei comparti scolastico e trasportistico, qui sottoscritto il 21 dicembre scorso, sono stati mantenuti da tutti gli attori istituzionali – ha dichiarato il Prefetto Campanaro – Le Scuole secondarie superiori del ferrarese sono pronte a ripartire in sicurezza l’11 gennaio prossimo e, per questo, ringrazio davvero tutti per il grande sforzo collaborativo che si è messo in atto: dal sistema scolastico, che ha in parte rimodulato gli orari con una lieve flessibilità, al sistema dei trasporti, che ha complessivamente potenziato la sua flotta del 24 per cento circa, partendo dai 160 autobus previsti a settembre 2020, per arrivare ai 198 che circoleranno dai prossimi giorni, con una capienza massima al 50 per cento.

E ringrazio in particolare gli amministratori dei Comuni di Ferrara, Cento, Codigoro e Comacchio perché garantiranno quelle misure ulteriori affinché alle fermate degli autobus non si verifichino pericolose condizioni di assembramento degli studenti”. Il Documento Operativo approvato in Prefettura ha previsto, infatti, la realizzazione da parte dei Comuni di interventi di ampliamento, ove possibile, degli spazi di fermata degli autobus, oltre a servizi a terra di accompagnamento, informazione e sensibilizzazione degli studenti al rispetto delle misure anti-Covid, con assunzioni a tempo determinato di personale della Polizia locale (come nel caso di Comacchio), attraverso l’impiego di steward (11 per il Comune di Ferrara e 6 per il Comune di Cento) o con il ricorso a volontari (5 dell’Associazione carabinieri in congedo, per il Comune di Codigoro).

Nel corso della riunione di Comitato è stato, inoltre, illustrato dai dirigenti sanitari dell’Azienda USL e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria il report sullo stato dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 nel ferrarese, evidenziando un andamento critico della curva del contagio, con l’indice RT salito all’1.39 ed il sistema ospedaliero in grande stress, con un tasso complessivo d’occupazione delle terapie intensive superiore al 90 per cento, che impone livelli di attenzione massimi nell’adozione di ogni necessaria misura precauzionale. “E’ appena partita la campagna di vaccinazione, che sta entrando a pieno regime in provincia di Ferrara, garantendo presto 958 vaccinazioni al giorno, 7 giorni su 7, con turni di 12 ore giornaliere – ha ricordato il Prefetto Campanaro – Non possiamo assolutamente compromettere questa fase, così complessa e delicata, con un abbassamento del livello di attenzione nel rispetto delle misure di contenimento del contagio, da parte di chicchessia. Nè potrà mai bastare l’impegno degli operatori sanitari o delle forze di polizia, se non sarà accompagnato da comportamenti quotidiani di profonda responsabilità e rispetto per la salute pubblica. Per questo, usiamo sempre le mascherine e continuiamo a mantenere il distanziamento sociale; è fondamentale!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *