“Sei di Ferrara se…”: il tormentone su Facebook

 

seidi

Tanti ricordi del passato stanno girando in questi giorni su Internet, grazie al gruppo “Sei di Ferrara se…” che in pochi giorni ha ormai raggiunto 5000 iscritti. Tra frasi, personaggi e foto storiche, gli utenti del social network stanno fornendo una dettagliata fotografia della nostra città di ieri e di oggi.

La rete ed il social network Facebook in particolare riscopre il passato. Da alcuni giorni, dilaga sul web il gruppo “Sei di Ferrara se…” che dispone anche di versioni locali di diversi paesi della provincia, dove gli iscritti riportano frasi, foto storiche, detti dialettali o personaggi che hanno fatto la storia del nostro territorio.

 

E così, tra un ricordo e l’altro, scopri che sei di Ferrara se i giardini in fondo a Viale Cavour sono identificati ancora come “giardini della Standa”, se sai cosa sono il bif e gli sgazabarbuz, se i tortellini li hai sempre chiamati cappelletti, se i giocattoli li compravi da Puccio e andavi al cinema in sale quali l’Embassy, l’Alexander, il Rivoli o il Ristori.

 

Sono infinite ormai le citazioni fornite esclusivamente dagli utenti. Ognuno, con i propri ricordi sta ricostruendo un’immagine della città che lega chi ha sempre vissuto il territorio estense. E c’è già chi propone di fare un libro che raccolga tutto quello che sta emergendo da internet.

 

“Sei di Ferrara se…”, così come tutti i gruppi analoghi relativi ai singoli paesi della provincia, è ad iscrizione aperta e gratuita e per accedervi è semplicemente necessario disporre di un profilo Facebook.

Un pensiero su ““Sei di Ferrara se…”: il tormentone su Facebook

  • 30/01/2014 in 23:51
    Permalink

    I cappelletti sono una cosa i tortellini un’altra. Per questo hanno nomi diversi.
    Non è che “abbiamo sempre chiamato i tortellini cappelletti” perchè ci andava così!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *