Sgominata banda di ladri in appartamento

poliziaUna banda di rom croati, dedita a furti in appartamento attraverso lo sfruttamento di minori e donne in gravidanza, è stata sgominata dalla Polizia di Trieste. A capo dell’organizzazione c’era una donna di 42 anni con i suoi due figli (di 23 e di 20 anni) finiti in manette; due ricettatori sono stati denunciati a Roma e a Bologna.

La banda, che ha colpito anche a Ferrara, faceva base in Croazia poi, in camper, si spostava nelle città del centro-nord d’Italia appoggiandosi, per mettere a segno i furti, ad una cerchia di parenti e conoscenti di etnia rom. Le indagini della Questura di Trieste sono state avviate lo scorso agosto quando la Polizia ha colto in flagranza i responsabili di un furto e, dopo il rilascio, ha avviato una attività di pedinamento per scoprire l’eventuale regia criminosa.

La polizia ha sequestrato 80mila euro in beni e 22mila euro in contanti. La banda, per tenere sotto controllo la rete di furti, non risparmiava pressioni psicologiche, insulti e anche violenze. Ogni 15 giorni il camper faceva ritorno in Croazia, dove il denaro e la merce venivano messi da parte.

Oltre a Ferrara, la banda, operava anche in altre città italiane comprese Pistoria, Lucca, Genova, Perugia e aveva contatti con altre organizzazioni simili a Roma, Torino, in Germani, in Francia e iin Spagna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *