Si è spento a novant’anni l’avvocato Giorgio Franceschini

Lutto in città e nel mondo della politica e della cultura ferrarese e nazionale per la morte dell’avvocato Giorgio Franceschini, padre di Dario, attuale caopogruppo del Pd alla Camera, personalità di spicco della storia democratica ferrarese nel secondo dopoguerra e uomo di impegno civile e culturale.

Si è spento questa mattina all’eta di novant’anni l’avvocato Giorgio Franceschini, uomo politico e rappresentante di spicco della Democrazia Cristiana ferrarese e nazionale, ma anche uomo di  cultura, giornalista, presidente di numerose associazioni culturali e politiche della città, Commendatore al merito della Repubblica Italiana e dell’Ordine pontificio di S. Gregorio Magno, el padre dell’ attuale capogruppo del Pd alla Camera, Dario Franceschini. L’avvocato Franceschini, che qui vediamo insieme al figlio in queste immagini di archivio, che risalgono al 23 fenbbraio 2009, quando Dario,  neoletto segretario del Pd, volle celebrare a  Ferrara, sua citta natale, il primo giorno del suo mandato giurando, come aveva promesso nel discorso all’assemblea nazionale, sulla Costituzione del padre, lascia l’esempio di una  vita vissuta all’insegna dell’ impegno civile e culturale. Un impegno politico, che si è nutrito dei suoi studi giuridici e una lunga militanza iniziata alla vigilia della Liberazione, per affermare i diritti di libertà e democrazia. Avvocato, partigiano cattolico, deputato Dc negli anni Cinquanta, studioso di storia ferrarese e nazionaleNel 1944 aveva costituito la prima organizzazione democratica cristiana ferrarese e    come tale aveva  fatto parte, nella primavera del 1945, del Comitato provinciale clandestino di Liberazione Nazionale. Nel dopoguerra oltre ai  molti incarichi politici e di amministratore fu eletto deputato della Dc nella II Legislatura per la circoscrizione Ferrara-Bologna-Forlì-Ravenna Abbandonata la politica attiva, fu insta cabile animatore della vita culturale e scientifica ferrarese, come presidente dal 1982 al 1984, l’Accademia delle Scienze di Ferrara e, dal 1989 al 1995, l’associazione Ferrariae Decus. presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani di Ferrara e presidente dell’Istituto di Storia Contemporanea ebbe incarichi di consigliere  Istituto di studi rinascimentali, Istituto per la storia del Risorgimento, Commissione diocesana per l’arte sacra, Consiglio di amministrazione del Lascito “Pietro Niccolini”. Numerosi i suoi  scritti su periodici locali e nazionali. Febbraio 2009, Dario Franceschini, il giorno dopo la sua elezione a segretario Nazionale del Pd, giurò fedeltà alla Costituzione nelle mani di suo padre Giorgio e sulla sua vecchia copia della Carta, davanti al Castello Estense di Ferrara, dove nel novembre 1943 furono trucidati cittadini innocenti dalle squadre fasciste.

Numerose  le attestazioni di cordoglio da parte di personalità della politica nazionale di diversi schieramenti alla famiglia Franceschini .
Nel suo affettoso omaggio  Walter Veltroni ne ricorda la straordinaria rettitudine e la  partecipazione  da partigiano alla lotta di Liberazione nella sua città
. “In anni difficili di ricostruzione – dice Veltroni,  aveva sempre saputo guardare a ciò che univa il Paese e la politica: l’impegno per il bene comune, per la libertà per il benessere e la difesa dei più deboli. La sua morte è un lutto per tutti: per questo sono vicino alla sua famiglia. Mi stringo a Dario – prosegue Veltroni – che col padre aveva un rapporto straordinario di ammirazione ed affetto. Quella generazione di uomini e di politici che hanno costruito la democrazia sono un esempio importante che non andrà disperso”

Telestense partecipa al lutto della famiglia e si unisce al cordoglio dei figli, Flavia e Dario e e della moglie, signora Gardenia Giardini.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120113_05.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *