“Siamo tutti pedoni”, campagna per la sicurezza sulle strade

siamo-tutti-pedoni

Ogni anni, sono circa 600 i pedoni che perdono la vita sulle strade italiane.

Per questo motivo, per l’ottavo anno, torna la campagna “Siamo tutti pedoni”, per la sicurezza degli utenti deboli della strada.

Si chiama “Siamo tutti pedoni” ed è una campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada, promossa dal Centro Antartide di Bologna insieme a Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil grazie a una rete di centinaia di aderenti in tutta Italia. Ogni anno perdono la vita quasi 600 pedoni e sono 20mila quelli che restano feriti sulle strade italiane.

Il 2015 ha tra l’altro registrato un nuovo aumento arrivando a 602 pedoni morti. La maggior parte degli incidenti coinvolgono gli anziani, e avvengono nei mesi da novembre a marzo a causa della ridotta visibilità. Per questo, il tema della strada vuole diventare un argomento di sensibilizzazione, inteso come rispetto degli altri e delle regole. “Siamo tutti pedoni” arriva così nelle principali città italiane, da Udine a Catania, da Bologna a Napoli, compresa Ferrara, il cui Comune sostiene la manifestazione con un insieme di eventi, attività formative e materiali di comunicazione che si rivolgono a tutta la cittadinanza: il taglio è leggero, e alterna testi informativi a messaggi di testimonial del mondo della cultura e vignette delle principali matite italiane, con l’idea di far riflettere autisti e pedoni ma anche ciclisti e scooteristi con il sorriso.

Siamo tutti pedoni 2016 insiste in particolare, per il miglioramento delle condizioni di sicurezza del camminare, sul tema dell’educazione permanente degli utenti della strada: sono stati quindi realizzati alcuni spot video educativi disponibili sul sito www.siamotuttipedoni.it che saranno la base degli interventi educativi, rivolti in particolare alla popolazione anziana, che saranno promossi a livello nazionale. La campagna, inoltre, vive anche sui social con l’hashtag #SiamoTuttiPedoni e sulla pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *