Siccità, piove ma non è sufficiente. Ora si teme il gelo – VIDEO

02 coldiretti

Dopo il record del caldo dei mesi scorsi arrivano pioggia e (il previsto) abbassamento delle temperature.

“Ma non è ancora sufficiente” spiegano gli agricoltori che ora temono brine tardive e il danneggiamento delle piante da frutta, che hanno iniziato una fioritura precoce. Quasi 21 millilitri in 24 ore. E’ quanto segna il pluviometro, strumento utilizzato per misurare la quantità di pioggia caduta, di Gianni Paganini, imprenditore agricolo di Porotto. Quantità tuttavia ancora insufficiente per far fronte alla siccità di queste settimane. Un terreno che rischia anche di attirare fauna selvatica, come fagiani, corvi e cornacchie

Per colpa del clima anomalo anche il grano andrà in sofferenza. Oltre al caldo invernale ci sono anche i timori per l’eventuale arrivo del gelo: una situazione che andrebbe a colpire i frutteti, a partire dagli albicocchi. L’anomalia e le complicazioni del clima sono una delle avversità contro le quali gli agricoltori lottano. A complicare le difficoltà in campagna, spiega Paganini, che aderisce all’organizzazione di Coldiretti, è la redditività sempre più in calo, che mette a rischio a volte la sopravvivenza delle stesse imprese. Nonostante le difficoltà lavorare nei campi resta un’attività che Gianni consiglia ai giovani che scelgono il loro futuro nel settore primario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *