Sicurezza, M5S Ferrara: “In città il Progetto eSecurity”

polizia-volante-agenti-ppAppuntamento aperto a tutti domani pomeriggio, nella sala della Musica di Via Boccaleone a Ferrara, per conoscere da vicino il “Progetto eSecurity” che si sta sperimentando a Trento. Un progetto che parla di sicurezza urbana predittiva sulla quale punta anche il Movimento 5 Stelle di Ferrara.

E’ considerato dalla Polizia di Stato il primo test di sicurezza urbana predittiva in Italia, ovvero un sistema che utilizza i dati delle forze dell’ordine sui crimini passati, sulla loro collocazione a livello geografico e temporale, per prevedere i futuri luoghi della criminalità e per riuscire a prevenire. Stiamo parlando di eSecurity un software che raccoglie dati di polizia su furti in appartamento, furti di auto e su auto, spaccio e altri reati e li fonde con altri dati su vittimizzazione, insicurezza, disordine urbano (che arrivano direttamente dai cittadini) e con informazioni provenienti dalla Smartcity (come illuminazione, traffico, clima).

A questo sistema informativo ‘intelligente’ il Movimento 5 stelle di Ferrara dedica un seminario di presentazione e discussione, aperto oltre che alle forze di polizia e agli amministratori anche ai cittadini. “L’aumento della criminalità fa emergere l’urgenza di una discussione all’interno della nostra comunità su quali siano i rischi cui siamo esposti e quali possono essere le tecniche di contrasto e di prevenzione a beneficio della sicurezza dei cittadini, spiega Ilaria Morghen, capogruppo M5S Ferrara. Il sistema Esecurity è un progetto coordinato dall’Università di Trento in collaborazione con Questura e Amministrazione della città e finanziato dal programma di prevenzione e lotta contro la criminalità dell’Unione Europea.

Una sorta di mappa del crimine che potrebbe essere a disposizione di chi gestisce la sicurezza urbana, sia esso sindaco o questore. L’appuntamento, spiega il movimento 5stelle è per sabato 5 dicembre, alle 14.30, nella Sala della Musica di Via Boccaleone al civico 19 a Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *