Sindacati medici, tagli scelta sciagurata. Regioni,serve unità

indexsanI nuovi tagli in arrivo per la sanità sono una scelta ‘sciagurata’ delle Regioni che andrà a discapito dei malati.

Lo affermano diversi sindacati medici (AIPaC – CISL MEDICI – FASSID – FP CGIL MEDICI – SNAMI – SMI – SIMeT – SNR – UIL FPL), che sottolineano come sia necessaria una ‘difesa unitaria’ della sanità pubblica.

”La sciagurata scelta delle Regioni di accettare ulteriori tagli alla sanità – scrivono – comporterà inevitabilmente una riduzione delle prestazioni per i cittadini meno abbienti, e con la proposta di far pagare ai medici le inappropriatezze, si romperà il rapporto di fiducia e si imporrà una medicina patrimoniale e difensiva a danno della tutela della salute”.

I sindacati sottolineano come i tagli siano gli ultimi di una lunga serie. ”Dopo 30 miliardi di tagli, dopo sei anni senza contratti e convenzioni – scrivono – dopo le promesse non mantenute di una legge sulla responsabilità professionale, siamo arrivati al punto più drammatico di attacco alla sanità pubblica, ai medici ed agli operatori sanitari. Crediamo pertanto che siano sbagliate le scelte solitarie di rivendicazione di una parte dei sindacati medici e che vi sia la necessità della più ampia unità possibile di chi crede nella sanità pubblica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.