“SINTONIE. Tra pubblico e privato”: al via il progetto triennale di collaborazione tra Musei Emilia-Romagna, Assicoop Mo&Fe e Legacoop Estense

La prima iniziativa il 2 novembre al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara: una Tavola Rotonda sulle collaborazioni pubblico-privato per la valorizzazione del patrimonio culturale. Parteciperanno Cristina Ambrosini, direttrice responsabile del Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna, e Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino. A dicembre l’inaugurazione dell’allestimento triennale, che esporrà opere della Raccolta Assicoop al Museo di Casa Romei e al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara.

Un accordo triennale per la fruizione pubblica e la comunicazione della Raccolta Assicoop Modena&Ferrara, in dialogo con le opere delle sedi e con i visitatori del Museo Archeologico Nazionale e del Museo di Casa Romei di Ferrara: è “SINTONIE. Tra pubblico e privato”, il progetto di collaborazione tra la Direzione Regionale Musei Emilia-Romagna, Assicoop Modena&Ferrara e Legacoop Estense, che prenderà avvio il 2 novembre con una Tavola Rotonda sui partenariati e le altre forme di collaborazione pubblico-privato nei processi di valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale.

Nucleo centrale del progetto SINTONIE sarà l’esposizione triennale di una selezione di 37 opere della Raccolta Assicoop, il cui allestimento – previsto per dicembre – in dialogo con le opere già esposte e con gli spazi museali stessi, sarà arricchito da mostre tematiche temporanee, percorsi di didattica museale, momenti di divulgazione e sensibilizzazione al riconoscimento del patrimonio locale, eventi e incontri dedicati all’educazione al patrimonio.

“La Direzione Regionale Musei dell’Emilia-Romagna” ricorda il Direttore Regionale Giorgio Cozzolino “ha in consegna due tra le strutture museali più importanti del territorio: Il Museo Archeologico Nazionale, ospitato all’interno di una tra le più interessanti architetture cinquecentesche della città, Palazzo Costabili detto di Ludovico il Moro, e il Museo di Casa Romei, straordinario esempio di architettura privata rinascimentale. La solida collaborazione con le realtà territoriali della società civile e del mondo imprenditoriale ha reso possibile l’attivazione di forme di partecipazione in cui il sostegno di soggetti del mondo privato rafforzerà ulteriormente i legami con le comunità patrimoniali”.

“Sull’onda della precedente esperienza di valorizzazione della nostra Raccolta, che ci ha portato a promuovere tre esposizioni temporanee a Ferrara tra il 2017 e il 2019, vogliamo ora mettere in campo un progetto di più ampio respiro” afferma il presidente di Assicoop Modena&Ferrara Milo Pacchioni. “Per Assicoop investire in una Raccolta di opere di artisti ferraresi e modenesi del XIX e XX secolo è un modo per restituire al territorio parte della ricchezza prodotta dall’attività di impresa. Oltre a garantire la conservazione di un pezzo significativo del patrimonio storico-artistico locale, vogliamo ora rendere disponibile in modo più stabile la nostra Raccolta a tutti i cittadini”.

“Con SINTONIE Assicoop e Legacoop proseguono la consolidata cooperazione con le Istituzioni culturali pubbliche”, afferma il presidente di Legacoop Estense Andrea Benini. “Quando pubblico e privato condividono visioni, obiettivi, risorse e competenze, si riesce a creare valore condiviso e dare più opportunità alle persone, nel caso specifico si offrono alla collettività occasioni ulteriori di fruizione culturale. In questo modo Assicoop, che oltre a mettere a disposizione le opere sosterrà gli oneri economici del progetto, applica con coerenza il settimo principio di identità cooperativa, ovvero l’impegno per migliorare le comunità e il territorio in cui le imprese cooperative operano”.

SINTONIE prende avvio martedì 2 novembre con un’iniziativa di apertura, la Tavola Rotonda dal titolo “Valorizzazione del patrimonio culturale: quali prospettive per le collaborazioni tra pubblico e privato?”, alle ore 17:00 al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara: un incontro di approfondimento sulle buone pratiche nelle collaborazioni pubblico-privato, con gli interventi anche di Cristina Ambrosini, direttrice responsabile del Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna, e Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino. Uno sguardo a scala nazionale sarà fornito da Valeria Di Giuseppe Di Paolo della Direzione Generale Musei del Ministero della Cultura.

L’iniziativa è gratuita e aperta al pubblico (https://www.assicoop.com/gallery/progetto-sintonie/); al termine del dibattito è previsto un aperitivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *