Sisma, abitazione ricostruita a rischio abbattimento perché su tracciato Cispadana

prevenzione_sismaUna interrogazione alla Giunta dell’Emilia-Romagna affinché blocchi quell’esproprio e riferisca al consiglio la vicenda di un cittadino 66enne di Alberone di Cento, nel Ferrarese la cui abitazione, ricostruita dopo il sisma del 2012 potrebbe essere abbattuta perchè sul tracciato della ‘Cispadana’.

A segnalare il caso è il capogruppo in Regione della Lega Nord, Alan Fabbri secondo cui oltre all’abbattimento andrebbero “in fumo 520.000 euro di contributo post terremoto”. A giudizio dell’esponente del Carroccio, come si legge in una nota, “Comune e Regione non potevano non sapere, di tracciati si parla dal 2011. Sono fatti di una gravità inaudita, il disagio e il dolore” del cittadino centese “pesano sulla coscienza del Pd” Per questo, Fabbri chiede alla Giunta regionale di “riferire in consiglio sul caso e intraprendere tutte le azioni utili a stoppare l’esproprio della casa per tutelare chi vi abita”. Inoltre, aggiunge il consigliere regionale, “delle scuse sarebbero doverose: oltre al danno al cittadino, assistiamo a un enorme spreco di denaro pubblico. Parliamo di cifre ingenti. L’intera operazione rischia di mandare a monte oltre un milione di euro di denari pubblici”. Cosa, secondo l’esponente leghista che “si poteva evitare fin da subito. La situazione attuale è frutto dell’indifferenza e della superficialità di Comune e Regione, due enti – conclude Fabbri – che mostrano di non aver mai dialogato e che agiscono per compartimenti stagni, e di un governo che, nonostante conti un ministro ferrarese, Franceschini, ha deciso sulla testa delle persone”(Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *