Sisma, vigili del fuoco di Ferrara nei luoghi del terremoto – VIDEO

norcia
Norcia il giorno dopo

I vigili del fuoco ferraresi proseguono nella propria opera di soccorso alle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto: un’attività oggi più che mai necessaria, dopo la nuova violentissima scossa che ha colpito quel territorio domenica mattina.

 

I vigili del fuoco ferraresi sono impegnati ad Arquata del Tronto, un borgo che le ripetute scosse di queste settimane hanno pressoché raso al suolo. Là si trova il campo base a cui fanno riferimento i vigili del fuoco ferraresi: in questo momento ad Arquata si trovano 5 uomini – quattro agenti e un funzionario – mercoledì partiranno, in loro sostituzione, undici uomini: questo almeno è il programma attuale, anche se non si può escludere che gli eventi delle ultime ore portino modifiche al programma complessivo dei soccorsi. Complessivamente, in questo momento sono circa 80 i vigili del fuoco e 45 i mezzi della direzione regionale dell’Emilia Romagna operanti in Italia centrale: il loro impegno è cominciato subito dopo gli eventi sismici del 24 agosto.

Due partenze di nuove unità operative sono state decise proprio ieri, dalla direzione regionale, subito dopo l’ultima grande scossa: dai comandi provinciale di Modena e Forlì Cesena sono partite due sezioni operative, con 9 uomini e automezzi attrezzati per i dissesti statici, un elicottero e due unità cinofile.

La frattura che, domenica, si è aperta vicino a Castelluccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.