Sovraffollamento carceri, Sappe: “Norme disattese”

sappe-2

Nel carcere di Ferrara oggi sono detenute 369 persone (di cui 161 stranieri) ma ne dovrebbe ospitare non più di 250. Il 40% di loro è in attesa di giudizio. Le celle, che sono di 9metri quadrati, contano tre detenuti mentre gli standard europei parlando di un detenuto in celle da 7metri quadrati. Il costo di una persona detenuta in carcere (compresi il vitto, i costi sanitari, del personale, luce, acqua, gas) è di 120 euro al giorno. Circa il 30% della popolazione carceraria è tossicodipendente, la categoria più recuperabile

Il problema del sovraffollamento delle carceri è strutturale. La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, che ha già ricevuto più di 550 ricorsi dal nostro paese, ha condannato l’Italia per trattamento inumano e degradante di sette carcerati detenuti nel carcere di Busto Arsizio e in quello di Piacenza. Ai sette detenuti dovrà essere pagato un risarcimento di 100 mila euro per danni morali. E nella sentenza la Corte invita l’Italia a porre rimedio immediatamente al sovraffollamento carcerario.

Una domanda alla quale il Ministro Severino ha cercato di rispondere con dei provvedimenti strutturali dei quali però, spiegano al Sappe, nessuno tiene conto: in definitiva il carcere resta l’anello più debole della catena.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xcontents/resources/delivery/getPlayListDescriptor?clientId=telestense&xpublisherId=5109564e-02db-46eb-8af9-ef3bc629b8aa&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *