SPAL: con il Pisa Venturato prevede un altro passo avanti

Mentre dal mercato, in attesa della mezzala, sono in arrivo Almici e Belec

Alberto Almici

Inizia il girone di ritorno, arriva la capolista, per la Spal impegno arduo, prima della sosta, cui farà seguito un tour de force, con, in un mese, dal 6 febbraio al 5 marzo, otto turni. In precedenza dieci giorni per gli ultimi colpi di mercato. In casa biancoazzurra, dopo gli arrivi di Meccariello, Finotto e Pobai, si aspettano ancora almeno un paio di inserimenti: portiere e centrocampista. Anche la casella del terzino destro infatti si può dare per coperta. Tutto fatto per l’ingaggio del ventinovenne Alberto Almici, in arrivo dal Palermo, nelle cui file ha disputato, nel girone di andata del campionato di serie C, 14 partite, dopo le 19 della scorsa stagione. In precedenza aveva indossato le maglie di Gubbio, Lanciano, Padova, Latina, Avellino, Ascoli, Cremonese, Pordenone e Verona. Per il giocatore, destinato a giocarci il posto con Dickmann, notevole esperienza in serie B, categoria in cui ha collezionato oltre duecento presenze. Restando in tema mercato, definito il passaggio di Sepe dal Parma alla Salernitana, che potrà liberare Vid Belec, il 32enne portiere di orgine slovena che la prossima settimana sarà tesserato dalla Spal. “Al momento -ha esordito Roberto Venturato alla vigilia della partita con il Pisa- dobbiamo concentrarci solo sulla prossima gara. Il mercato di gennaio, sotto un certo profilo crea problemi, ma io guardo solo ai giocatori oggi in rosa. I ragazzi sono concentrati sulla partita. La settimana è stata proficua, specie per migliorare la condizione atletica. Ho visto il giusto atteggiamento per affrontare la prima della classe. Dovremo tenere alta la concentrazione, per giocarci la partita con una squadra che, non per caso, si trova al primo posto e farà di tutto per restarci. Tenendo debitamente conto del valore del Pisa cercheremo di affrontarlo imponendo il nostro gioco, sfruttando le nostre qualità”. -Ipotizzabile qualche novità rispetto alla squadra che ha affrontato il Benevento?- “Ho un paio di dubbi -non ha nascosto l’allenatore della Spal-, ma le decisioni, come mia abitudine, le prenderò solo nelle ultime ore che precedono la partita. Prevedo qualche variazione, in difesa e a centrocampo. Importante è poter contare su tanti giocatori di qualità, perchè i cinque cambi mi consentono di poter disporre di valide alternative a gara in corso”. -Quali valutazioni sui nuovi arrivati e su Zuculini fino a oggi impiegato con il contagocce?- “Meccariello -ha sottolineato Venturato- è un giocatore di esperienza, temperamento e affidabilità. Con il Benevento ha giocato a sinistra, il suo ruolo di inizio carriera, ma il meglio lo può dare al centro della difesa. Finotto necessita di aumentare il minutaglie, ma l’aver giocato alcuni spezzoni a Monza, ha già portato a un buon livello il suo stato di forma. Pobai ha potenzialità fisiche e tecniche importanti, ma deve affrontare un periodo di adattamento e apprendimento, in particolare sul piano tattico, per il campionato italiano. Zuculini è tra quelli che hanno di più sofferto il Covid. Questa settimana ha potuto finalmente allenarsi a buoni ritmi. Il carattere e il suo temperamento sono molto importanti all’interno del gruppo”.
Dalle indicazioni di Venturato prevedibili quindi un paio di novità rispetto alla gara con il Benevento. Ipotizzabile una Spal con Thiam; Dickmann, Vicari, Capradossi, Celia; Da Riva, Viviani, Crociata; Mancosu; Colombo, Finotto. D’Angelo, che attende dai suoi il riscatto, dopo la pesante sconfitta interna con il Frosinone, e dovrà rinunciare a Beruatto squalificato, potrebbe rispondere con Nicolas; Hermansson, Caracciolo, Leverbe, Birindelli; Tourè, Nagy, Marin; Sibilli; Lucca, Masucci. Dirigerà Simone Ayroldi della sezione di Molfetta. Fischio di inizio alle ore 14.00. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.