SPAL: problemi in difesa, ma anche la Roma è decimata

Semplici deve fare i conti con le assenze di Djourou e Felipe e la coppia Bonifazi-Simic non al top

Ad un paio di ore dalla partenza per Roma, Semplici ha fatto l’analisi sul momento del suo gruppo, iniziando dal paragone tra la gara con l’Inter e quella con i gilallorossi di Francesco. “Due squadre che stanno andando avanti in Champions a dimostrazione della qualità degli organici. Roma con tante doti, tecniche e fisiche, abilissima nel capitalizzare le palle inattive. Cercheremo di ripetere la prova con l’Inter -ha affermato il tecnico della Spal-, gara che ci ha dato certezze. Tralasciando il risultato, ho ottenuto quella risposta positiva che avevo chiesto ai ragazzi prima di scendere in campo. A Roma servirà ancora maggior determinazione, anche perché il pubblico che in casa a noi dà tantissimo, all’Olimpico sarà un fattore in più per i nostri avversari”. -Oltre alle assenze di Felipe squalificato e Kurtic, si prospettano altri forfait?- “Viviani non è ancora pronto e dovrò rinunciare pure a Djourou, con una caviglia in disordine. In difesa, dove tornerà Vicari -ha puntualizzato Semplici, che non è riuscito a nascondere un pizzico di disappunto- siamo in emergenza. Bonifazi e Simic (i papabili per sostituire Felipe ndr), per un motivo o per l’altro, non sono al meglio, farò la scelta, dopo attente valutazioni tecniche e fisiche con il mio staff”. -Problemi proprio in quel reparto che nelle prime giornate eera parso un punto di forza e che invece nei turni successivi ha concesso un pò troppo agli avversari- “Non dobbiamo fare un caso se in questo periodo abbiamo subito più gol rispetto all’inizio della stagione, comunque -ha sottolineato Semplici- lavoriamo quotidinamente per migliorarci, ma non solo nella fase difensiva”. -Altre novità in vista rispetto al match con l’Inter?- “I reduci dagli impegni con le Nazionali, Gomis e soprattutto Fares, hanno speso tantissimo, anche per i lunghi trasferimenti. Quest’anno comunque ho più possibilità di scelta, con maggiori equilibrio nei cambi”. -Potrebbe anche essere il turno di Everton e Paloschi?- “Il centrocampista brasiliano, è un candidato, anche perchè, seppur con caratteristiche un pò diverse rispetto a Valoti, può assicurare, al contrario di quanto molti ritengono, un valido apporto pure in fase di impostazione. Paloschi per noi è un giocatore importante, come Moncini e Floccari, e a Roma potrebbe anche partire da titolare. Comunque -ha concluso Semplici- noi scendiamo sempre per fare la partita e sarà così anche al cospetto di una Roma fortissima, tra le migliori squadre in assoluto del campionato, per questo, per muovere la classifica, dovremo essere ancor più concentrati di quanto lo siamo stati con l’Inter”. Si potrebbe quindi ipotizzare un undici iniziale con Gomis; Cionek, Vicari, Bonifazi; Lazzari, Everton, Schiattarella, Missiroli, Costa; Paloschi, Petagna. Sul fronte giallorosso vanno tenute in considerazione le precarie condizioni di Pastore, Florenzi, De Rossi, Kolarov, Shick e Perotti, con le scelte di Di Francesco che potrebbero essere anche condizionate dall’impegno di Champions di martedì, con il CSKA Mosca. Il tecnico della Roma per questo potrebbe affidarsi a Olsen; Santon, Manolas, Fazio, Luca Pellegrini; Cristante, Zonzi; Under, Lorenzo Pellegrini, El Shaarawy; Dzeko. Gara affidata alla direzione Pairetto di Nichelino, alla VAR Abisso, nella scorsa stagione, la coppia, a parti invertite, finì nel mirino del clan spallino che ne contestò varie interpretazioni di episodi che si rivelarono decisivi nell’economia della gara, come l’espulsione nei primi minuti di Felipe ed il gol realizzato da El Shaarawy, al termine da un’azione viziata da fuorigioco. Fischio di inizio alle ore 15.00, radiocronaca diretta su Radio International. 573 i biglietti venduti per il settore ospiti dello stadio Olimpico, 1.152 quelli pe5 Spal-Frosinone di domenica 28 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *