SPAL: a Genova per far punti, accantonare i timori

E festeggiare nel migliore dei modi l’inizio del quinto anno della gestione Semplici

Vigilia particolare per Semplici quella che precede la trasferta sul campo del Genoa, nel giorno in cui il tenico della Spal festeggia il suo quarto anniversario da quando iniziò la sua avventura alla guida della formazione ferrares, in Lega Pro, culminata con la promozione in serie A e la successiva salvezza. La firma sul primo contratto che legava il tecnico toscano ai Colombarini, Mattioli fu infatti registrata lunedì 8 dicembre 2014. “Ringrazio tutti per questi quattro anni felicissimi. -ha voluto sottolineare Semplici- Abbiamo vissuto un lungo periodo in cui abbiamo trascorso momenti indimenticabili tagliato traguardi insperati, grazie all’apporto di società, dirigenza, giocatori, staff, tifosi, ma ora dobbiamo solo pensare alla gara di Genova”. -Che partita ci possiamo aspettare, con un avversario che ha appena cambiato la guida tecnica?- “Mi interessa quello che farà la mia squadra. Mi aspetto una gara da Spal, cone avevo detto alla vigilia della partita con l’Empoli in cui è iniziato il nostro campionato. Rispetto a quella gara però voglio una squadra determinata, per 90’, non solo quando è costretta a reagire perché in svantaggio. Non bisogna però presentare tutte le partite come un’ultima spiaggia. Io sono sempre positivo e valuto la clasifica che per i nostri obiettivi ancora ci sorride. Cercheremo di approfittare anche del momento particolare del Genoa, non scordandoci però del valore della squadra ora di Prandelli, che penso potrebbe passare alla difesa a quattro. Dobbiamo fare punti, a tutti i costi. -ha proseguito Semplici, con toni determinati, quelli che probabilmente avrà usato anche nello spogliatoio in settimana- Se necessario, badando più al sodo che allo spettacolo, ma non rinnegando la nostra filosofia di gioco. Stiamo lavorando molto sulla fase di non possesso. Dobbiamo subire meno gol, questo è oggi il nostro problema principale. Dovremo essere aggressivi, cattivi, corti, limitare il possesso palla degli attaccanti del Genoa, molto abili sotto questo profilo, come a sfruttare la profondità”. -Come sta il gruppo?- “Sono contento per il recupero di Floccari, che con le sue doti tecniche può diventare molto utile, specie quando un allenatore deve fare un cambio. Inoltre è un giocatore molto importante nello spogliatoio, il suo peso umano si fa sentire. Pronto anche Valdifiroi, che ho visto in crescita in Coppa. Per il ruolo di regista -afferma Semplici- ora so che ho due opzioni(l’altra è Schiattarella ndr), nelle scelte dipenderà anche il tipo squadra che affronteremo. Mancherà Cionek, squalificato, purtroppo anche Bonifazi non è al meglio, in merito al suo impiego la decisione sarà presa in accordo con lo staff medico all’ultimo istante, Djourou e Simic sono comunque pronti, anche se il difensore svizzero non si è allenato con continuità in settimana”.
Spal che quindi dovrebbe presentarsi per la seconda gara a Marassi nello spazio di cinque giorni con Gomis; Bonifazi, Vicari, Felipe; Lazzari, Missiroli, Schiattarella, Kurtic, Fares; Petagna, Antenucci. In casa Genoa ovviamente difficile avere certezze sulle scelte di Prandelli, che ha avuto la possibilità di guidare i suoi nuovi giocatori solo in due allenamenti. E’ probabile che l’ex C.T. della Nazionale passi ad un 4-3-1-2 che potrebbe vedere inizialmente in campo Radu; Biraschi, Gunter, Romero, Criscito; Omeonga, Veloso, Hiljemark; Pandev; Piatek, Kouame. 308 i biglietti venduti nel settore ospiti del Ferraris. Gara prevista con inizio alle 18.00, affidata a Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli. Radiocronaca diretta sulle frequenze di Radio International.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *