SPAL: a Napoli con una formazione da decifrare

Nelle scelte di Semplici pesano impegni ravvicinati, infortuni e diffide

Sulla carta parrebbe apparire un sogno  impossibile da realizzare portare a casa punti dal San Paolo, ma Semplici giustamente, non vuole chiudere tutte le porte alle speranze di poter festeggiare il Natale nel migliore dei modi. “Vogliamo dare continuità a risultati e prestazioni delle ultime giornate. -Ha esordito il tecnico spallino presentando il match di Napoli- Affrontiamo una delle due squadre più forti del campionato. Ancelotti dopo Sarri, due grandissimi allenatori, guida una squadra squadra che esprimi un gioco di altissimi livelli. Ha giocatori di qualità e fisicità. Con la Juventus, non solo re i numeri, la migliore in assoluto. Noi siamo comunque convinti delle nostre qualità, stiamo crescendo sul piano atletico e anche mentalmente, sarà durissima, ma sono certo faremo la nostra figura”. -Turn over in vista, considerati gli impegni ravvicinati?- “Non ci sarà Missiroli, alle prese con una forte contusione ad una coscia, mentre Petagna e Kurtic sono diffidati. Floccari è in buone condizioni, ma non in grado di giocare tre partite in otto giorni. Lazzari è reduce da influenza, valuteremo, non mancano le soluzioni. Tutto il gruppo -ha tenuto a sottolineare Semplici- è cresciuto, Dickmann ha fatto bene in Coppa e Djourou ormai è pronto. Comunque non possiamo stravolgere la squadra, anche perché dall’altra parte c’e un avversario di primissimo piano. Faremo dei cambi, diciamo tre/quattro ma non delle rivoluzioni”. -Il presidente alla cena di Natale ha parlato di un patto di chiudere l’andata a quota venti- “Noi vogliamo fare il massimo, magari nove punti, ci stimola pensare al domani con ottimismo, non ci crea pressione” -Feste in campo e mercato prolungato al 31 gennaio-. “A Natale, sinceramente, -non lo ha nascosto Semplici- visto che sono credente, avrei preferito stare con la mia famiglia, ma siamo dei professionisti e accettiamo questa decisione. Avrei anche preferito che il mercato si chiudesse prima dell’inizio del girone di ritorno, ma capisco anche le esigenze delle società che hanno chiesto di adeguare le date a quelle delle altre federazioni. L’importante, sul fronte arrivi e partenze, è avere le idee chiare e noi le abbiamo”. Non facile intuire le intenzioni di Semplici sull’undici iniziale del San Paolo, si potrebbe ipotizzare, ma con tanti dubbi, una Spal con Gomis; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Kurtic, Valdifiori, Schiattarella, Costa; Paloschi, Antenucci. Tante opzioni a disposizione di Ancelotti, che potrebbe affidarsi a Meret; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Rog, Hamsik, Fabian Ruiz; Milik, Insigne. Il via alle 15.00. Dirigerà Federico La Penna, della sezione di Roma1. Radiocronaca diretta sulle frequenze di Radio International.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *