SPAL – A COMO PER LE CONFERME

A caccia del quinto risultato utile consecutivo e per proseguire nella crescita

Obiettivo primario per la Spal proseguire nelle serie iniziata con il pareggio di Ascoli, cui hanno fatto seguito i successi su Cagliari e Venezia, con in mezzo il 2 a 2 di Bari. Questo per quanto riguarda i risultati, ma poi i biancoazzurri sono chiamati a procedere in quel processo di crescita che ha avuto importanti impulsi grazie agli inserimenti degli ultimi arrivati, Proia e Valzania, oltre che dal recupero di Varnier. Sarebbe importante tornare da Como, forti di ulteriori passi avanti, in attesa della sosta, che potrebbe consentire a Venturato di ultimare il lavoro proprio dopo le operazioni con cui si è concluso un mercato andato ben oltre le più rosee aspettative. Tutto in attesa della corazzata Genoa e della coppia di trasferte a Frosinone e Cittadella, tris di gare dopo il quale sarà, è molto probabile, fare chiarezza sugli obiettivi cui realisticamente Esposito e compagnia potrebbero ambire. Prima però c’è lo scoglio Como, con il Pisa, la più grande delusione di questo avvio di stagione. ”Non dobbiamo farci trarre in inganno dalla classifica dei nostri prossimi avversari -ha tenuto subito sottolineare Venturato-, troveremo avversari affamati di punti. A parte ciò squadra con giocatori che non necessitano di presentazioni. Tutti con grandi qualità tecniche e fisiche. Alcuni di loro, come Parigini e Blanco, anche dotati di gran velocità. Certi e Cutrone attaccanti che hanno tutto per fare la differenza in serie B. Mai fino a oggi abbiamo affrontato una squadra con queste caratteristiche. Per fare risultato dobbiamo esprimerci almeno sui livelli della partita con il Venezia”. -Vista la soddisfazione, formazione confermata?- “A parte Arena, Dalle Mura e Murgia, che rientreranno dopo la sosta -ha risposto l’allenatore della Spal- ho a disposizione il gruppo completo e la piacevole sensazione di vedere tutti i ragazzi con tanta voglia di fare bene. Per questo ho almeno un paio di dubbi di formazione”. Dopo Como la sosta, possibilità per tracciare i primi bilanci e fissare qualche obiettivo- “Dobbiamo solo lavorare, come abbiamo fa fino a oggi -è intervenuto Venturato-, abbiamo qualità, ma per farle emergere serve tanto impegno e determinazione durante la settimana. E non scordiamoci mai da dove siamo partiti, dopo la salvezza raggiunta all’ultimo istante”. Tornando alla partita di Como, lasciando spazio a un possibile inserimento di Zanellato, fiducia a Alfonso; Dickmann, l’ex Varnier, Meccariello, Tripaldelli; Proia, Esposito, Valzania; Maistro; La Mantia, Moncini. In attesa della scelta definitiva del successore Giacomo Gattuso, costretto a lasciare la conduzione tecnica lariana per motivi di salute e che sembra destinato passare il testimone a Luca D’Angelo, Como ancora affidato a Massimiliano Guidetti, che potrebbe affidarsi a Ghidotti; Vignali, Scaglia, Binks, Ioannou; Parigini, Baselli, Arrigoni, Blanco; Cerri, Cutrone. Inizio in panchina per i vari Fabregas, Faragò e Mancuso, e non ci saranno Bellemo out per un menisco fuori uso e Da Riva squalificato, che fanno parte della folta pattuglia di ex biancoazzurri che, oltre a Gattuso e i due centrocampisti, comprende anche Arrigoni e Cerri. Si inizia alle 14.00. Dirigerà Daniele Rutella della sezione di Enna. Radiocronaca diretta su Radio Bruno. In FM, 94,900 mhz a Ferrara, 100,00 mhz Comacchio e Lidi, sul sito www.radiobruno.it e sull’App di Radio Bruno, scaricabile gratuitamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.