Spal a Pisa con la serenità del +8 e la carica della città – INTERVISTA SEMPLICI

Per i toscani ultima spiaggia, i tecnici fanno pretattica.

25 lupa roma-spalPisa-Spal è la gara più attesa dai tifosi delle due squadre che occupano le prime posizione del girone B di Lega Pro. Come, giustamente, sottolinea Leonardo Semplici, probabilmente non la più importante in assoluto per la sua formazione, al contrario di quella affidata alla guida di Rino Gattuso che, solo in caso di vittoria, potrà ancora tenere in vita qualche speranza di chiudere la stagione regolare al primo posto. Gli otto punti di vantaggio su cui può fare affidamento la Spal costituiscono infatti un tesoretto che, indipendentemente dall’esito della sfida dell’Arena Garibaldi, dovrebbe consentire a Giani e compagni di poter tagliare il traguardo inseguito da inizio estate. Resta comunque fuori discussione che Pisa-Spal costituisce un appuntamento di primo piano, come testimoniato dai biglietti che i tifosi si sono già assicurati, circa ottomila sulla sponda toscana e quasi duemila su quella ferrarese, per un esodo scordato all’ombra del castello estense da oltre vent’anni.

Semplici, mentre cerca di stemperare la tensione, come sua abitudine, non scopre le sue carte. Se si fa eccezione per Spighi, avrà a disposizione il gruppo al completo. A prescindere dalle scelte del suo collega, rimane fermo alle sue idee tattiche, con varie opzioni per quanto concerne gli interpreti. Un’ipotetica formazione potrebbe essere: Contini; Lazzari, Silvestri, Cottafava, Giani, Mora; Gentile, Castagnetti, Di Quinzio; Zigoni, Cellini. Attenzione però perchè non sono del tutto da escludere gli impieghi di Branduani, Ceccaroni, Gasparetto, Schiavon, Grassi e Finotto, a conferma di quanto è ampio e di qualità l’organico biancoazzurro. Sul fronte opposto settimana di lavoro a porte rigorosamente sprangate. Trapelano voci sulla possibilità che Gattuso, alla ricerca a tutti i costi del successo pieno, opti per uno schieramento molto offensivo, ovvero un 4-3-1-2, che potrebbe però agevolare le ripartenze degli avversari, per questo lecito pensare anche a volute false indicazioni. Nel caso di scelte sbarazzine il Pisa potrebbe presentarsi con Bindi; Avogadri, Crescenzi, Polverini, Fautario; Verna, Ricci, Mannini; Varela; Cani, Eusepi. Le scelte dei due tecnici le scopriremo a pochi minuti del fischio di inizio di Mainardi di Bergamo, fissato alle ore 15.00. Per chi non potrà far parte dell’esodo biancoazzurro, ricordiamo la telecronaca registrata, sui canali di Telestense, a partire dalle ore 21.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.