SPAL: a Terni per i primi punti esterni

Ed evitare la psicosi trasferta, dopo le sconfitte a Pisa e Reggio Calabria. Squadra confermata


Spal con un ruolino di marcia da promozione al Mazza e da retrocessione nelle gare esterne. Due convicenti, oltre al pareggio con la corazzata Mazza, vittorie al Mazza, mentre da Pisa e Reggio Calabria la squadra di Clotet è tornata a mani a vuote. Ecco spiegati i motivi che aumentano l’interesse per la trasferte a Terni, sul campo della squadra di Cristino Lucarelli che, dopo aver pagato lo scotto del noviziato, ha conquistato il primo successo stagionale a spese del Parma, un avversario non qualunque. “Sappiano quanto sarebbe importante -ha esordito Pep Clotet, alla vigilia della gara del Liberati, dove la Spal il 13 maggio di quattro anni fa festeggiò il ritorno in serie A- conquistare i primi punti esterni. Abbiamo preparato la partita con tranquillità, perchè conosciamo le nostre qualità, ma anche riguardato gli errori ultimamente commessi. Determinante sarà proseguire nel nostro processo di crescita e non allontanarci dalla nostra filosofia di gioco che deve rimanere quella di cercare di fare sempre la partita, contro qualsiasi avversario. Non dobbiamo mai speculare sul risultato. La base deve essere sempre il gioco, anche se studiamo sempre le caratteristiche delle squadre che andiamo ad affrontare, adottando in tutte le fasi le opportune contromisure. La Ternana, dopo un inizio difficile, è in ripresa. Ha le qualità per fare ottimo campionato. Attacca con otto giocatori, lavora bene con le sovrapposizione terzini. Squadra molta esperta, che sa gestire le situazioni. Della nostra parte la voglia di crescere, di migliorarsi dei giovani. Importante per noi trovare fiducia in fase difensiva e in attacco evitare errori perdere palla, come a Reggio Calabria, dove, da la sconfitta è maturata da una nostra leggerezza”. -In Italia si dice che squadre che vince non si cambia- “Io direi -ha puntualizzato Clotet- squadra che soddisfa sul piano del gioco merita fiducia. E’ mia abitudine, soprattutto nei momenti positivi, apportare poche modifiche, anche se tutti devono essere pronti”. -Quindi conferma per Crociata e Seck? E Zuculini?- “Mi piacciono i movimenti di Crociata, che può mettere in difficoltà gli avversari con quella sua capacità di fare un giro veloce con la palla al piede. Seck è in continua crescita e galvanizzato dal gol realizzato al Vicenza. Contiamo molto su di lui. Deve essere più continuo. Stiamo molto lavorando mentalmente sotto questo aspetto e sull’apporto che deve assicurare anche in fase difensiva. Zuculini, dopo il periodo in cui ha dovuto rallentare negli allenamenti per un problema muscolare, sta lavorando per aumentare il minutaggio. Con il suo carisma è un elemento importantissimo -ha sottolineato Clotet- per tutto il gruppo”. -Giochiamo con la fantasia, a fine stagione arriva una big di serie A che fa un’offerta Clotet…- “Ho sposato il progetto della società, che coincide totalmente con il mio modo di far calcio -ha risposto l’allenatore della Spal-, mi piacerebbe completare un ciclo come fece Semplici. Un gran lavoro il suo. Le condizioni ci sono tutte: proprietà motivatissima, strutture ideali, grande competenza dalla direzione sportiva e organizzativa, tifoseria entusiasta. Oggi penso solo alla Spal, anzi alla trasferta di Terni” Tornando quindi alla gara del Liberati, non dovrebbero esserci quindi sostanziali novità rispetto alla formazione che Clotet ha presentato con il Vicenza: Thiam; Dickmann, Vicari, Capradossi, Tripaldelli; Esposito, Viviani; Seck, Mancosu, Crociata; Colombo. Lucarelli potrebbe rispondere con Iannarilli; Ghiringhelli, Sorensen, Capuano, Martella; Agazzi, Proietti, Palumbo; Partipilo, Donnarumma, Falletti. Gara che sarà diretta da Matteo Marcenaro della sezione di Genova. Fischio di inizio alle 20.30. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *