SPAL AL FIANCO DI CARITAS

Sarà donato il cibo non consumato nelle ospitality dello stadio Paolo Mazza

In occasione della gara SPAL-Como, il cibo non consumato servito nelle aree hospitality sarà donato all’Associazione Amici della Caritas di Ferrara-Comacchio.

L’iniziativa del Club biancazzurro, in collaborazione con Gizem Catering, proseguirà nelle gare giocate a Ferrara per l’intero Campionato 2021/2022.

L’Associazione Amici della Caritas di Ferrara-Comacchio è il braccio operativo attraverso il quale, la Caritas Diocesana, mette in atto e garantisce i propri servizi.

Ad oggi, l’Associazione, si avvale della collaborazione di circa 120 volontari impegnati nel garantire la continuità delle attività assistenziali di cui la Caritas si fa promotrice.
Presso il Centro di Accoglienza dell’Associazione è attiva una mensa sociale gratuita, coordinata in gruppi di lavoro in modo che operi tutti i giorni, anche in occasione delle festività nazionali, per un totale di circa 42.000 pasti all’anno.
L’operatività della mensa è garantita grazie alle materie prime fornite dalla raccolta delle eccedenze di produzione agricole e dell’industria alimentare e la redistribuzione delle stesse ad enti ed associazioni caritative. Tutti i giorni, presso il Centro Caritas, ai fini di ridurre al minimo gli sprechi dovuti all’eccessiva produzione alimentare, in particolare per quanto riguarda gli alimenti freschi (frutta e verdura), è attivo un servizio di distribuzione al quale possono accedere tutti coloro che sono in possesso della tessera Caritas.
Inoltre, sono attivi un centro di ascolto, un servizio di distribuzione vestiario, un servizio docce, un ambulatorio medico e a partire dal 2014 il progetto di accoglienza femminile di secondo livello per donne e minori richiedenti asilo presso la struttura Casa Betania.
Insieme a Casa Betania, l’Associazione dispone di 9 appartamenti in comodato ad uso gratuito.
La Caritas Diocesana di Ferrara-Comacchio ha dato continuità alle proprie attività assistenziali adattandone lo svolgimento ai requisiti igienico sanitari richiesti anche nel pieno del periodo emergenziale, fronteggiando il costante incremento di richieste di aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *