SPAL: arriva il Monza e parte il vero campionato

Dopo mercato e sosta, situazione finalmente stabilizzata e possibilità di scoprire i veri valori. Indisponibile Zuculini.


Chiuso il mercato, due settimane di lavoro con il gruppo al completo, fatta eccezione per Colombo e Da Riva impegnati con l’Under 21, sta per giungere il momento di capire di quale pasta è fatta la Spal targata Tacopina-Clotet. Le risposte pressoché definitive dovrebbero arrivare al termine del tour de force che, nello spazio di quindici giorni, vedrà i biancoazzurri affrontare Monza, Reggina, Vicenza e Ternana. Primo test con i brianzoli, che, come la scorsa stagione, non nascondono grandi ambizioni. Lo dimostra la campagna acquisti, questa estate con nomi meno roboanti e strategia dirottata verso giocatori che conoscono bene la categoria, in cui spesso hanno fatto la differenza. “Siamo noi i primi ad attendere riscontro del nostro lavoro -ha esordito Clotet alla vigilia della sfida con la corazzata di Galliani e Berlusconi- “, essere terminato il mercato è molto positivo, importante aver normalizzato la situazione e vedere i ragazzi più sereni. Sono felice di aver potuto lavorare dieci giorni senza pause. C’è il giusto spirito. Sappiamo che la nostra squadra è giovane, deve crescere, non si deve avere fretta. Sono arrivati giocatori importanti per noi e sono tutti a disposizione, ma devo valutare quello che ha fatto la squadra nel precampionato e le prestazioni di Pisa, dove, anche se abbiamo perso, sono rimasto soddisfatto e con il Pordenone. Eccezione per Zuculini, alle prese con un piccolo problema muscolare, non ci sono infortunatiAnche Colombo, rientrato dagli impegni con l’Under 21, mi è parso in buone condizioni, come Latte Lath, reduce da un gol in campionato e dalla tripletta nell’amichevole con il Rimini e lo stesso Seck che sta costantemente migliorando sotto tutti gli aspetti. Ho tante possibilità di scelta. Durante la sosta abbiamo lavorato molto sul piano tattico, con esercizi che coinvolgevano due-tre giocatori per situazione, partendo sempre dal nostro modulo base(4-2-3-1 ndr)”. -Con il Monza che partita ci possiamo aspettare?- “Ovviamente -ha prontamente risposto l’allenatore della Spal- non possiamo pensare di calciare in porta trenta volte, come con il Pordenone. Affrontiamo la squadra meglio attrezzata della serie B, costruita per chiudere la stagione nei primi due posti. Ho visto tutte le parite disputate fino ad oggi dal Monza e ho apprezzato l’ottimo lavoro di Stroppa. Cercheremo di sfruttare i suoi punti deboli, che comunque sono pochi. Di sicuro non snatureremo il nostro gioco. Il nostro obiettivo è far divertire i nostri tifosi, uscire dallo stadio tra i loro applausi, indipendentemente dal risultato. Mi piacere sapere che saranno in tanti e che torneranno i ragazzi della curva, la squadra non deve camminare mai sola”.
Azzardiamo quindi che Clotet possa affidarsi a Thiam; Dickmann, Vicari, Capradossi, Tripaldelli; Esposito, Viviani; Seck, Mancosu, Latte Lath; Colombo. Stroppa, che ha perso nell’ultima seduta di allenamento Favilli, potrebbe rispondere con Di Gregorio; Caldirola, Marrone, Sampirisi; Pedro Pereira, Barberis, Mazzitelli, Valoti, Carlos Augusto; Mota Carvalho, Gytkiaer.
Gara affidata a Luca Massimi della sezione di Termoli. Fischio di inizio alle ore 14.00. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.