SPAL: avanti con Brevi

Spal

Società decisa a non cambiare

Anche a mente fredda, assorbita, almeno in parte, la delusione per la sconfitta con il Pisa, la società conferma di non aver intenzione di prendere decisioni drastiche. Lo ha affermato con decisione anche Francesco Colombarini, che ha trascorso il pomeriggio allo stadio per seguire la doppia amichevole dei Pulcini 2004/2005, con i pari età della Juventus, che non hanno certamente sfigurato al cospetto dei piccoli bianconeri. L’intenzione chiaramente è quindi quella di proseguire con Brevi, sempre che ai miglioramenti evidenziati nel match con il Pisa, venga dato seguito nelle tre gare prima della sosta, sul campo del Tuttocuoio(sabato 6, ore 16.00), che gioca a Pontedera, con la Carrarese(domenica 14, ore 18.00), e a Pistoia(sabato 20, ore 14,30). Indispensabile trovare non solo il gioco, ma anche i risultati, che potranno arrivare solo se si riscoprirà la strada del gol, che oggi per i biancoazzurri pare una sorta di miraggio, visto che nelle ultime quattro partite c’è da registrare solo la rete di Germinale, che ha fruttato i tre punti Piacenza. Attenzione però ad attribuire le responsabilità di questo digiuno solo agli attaccanti, perché in avanti di pallone giocabili le punte non è che ne vedano tanti, anzi… Attesa quindi, con forse non del tutto casuali al seguito delle ultime gare di Giani e compagni di vari tecnici, tra i quali anche Semplici, Battistini e Favaretto.

3 pensieri riguardo “SPAL: avanti con Brevi

  • 30/11/2014 in 7:28
    Permalink

    Errare humanum est, perseverare diabolicum !!!!
    A mio modestissimo parere tra al massimo due giornate saremo in pienza zona play out … se gia adesso giocano col terrore addosso, figuriamoci dopo!

    Rispondi
  • 30/11/2014 in 11:17
    Permalink

    bisogna risparmiare….e il prosssimo anno chissa’,sempre che ci salviamo,magari di questo passo andremo anche in d con buona pace di colombarini

    Rispondi
  • 30/11/2014 in 14:31
    Permalink

    L’avevo previsto. Una squadra così mal messa mon andrà lontano. Col Pisa qualche piccolo miglioramento nel gioco
    c’è stato, ma non si è quasi mai tirato in porta. Avrei faato giocare sin dall’inizio Finotto con Fioretti e De Cenco. Dov’è il coraggio di giocare in casa con tre attaccanti? Brevi è troppo preso dal suo modulo, ma non fanno tre passaggi consecutivi e il centrocampo è evanescente e non costruisce.
    Forza Spal sempre, nonostante queste figuracce.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.