SPAL: Coccolo e D’Orazio giovani in rampa di lancio

Presentazione del difensore e dell’esterno d’attacco, mentre sono arrivati Pomini e Celia e ad un passo c’è Crociata


Prosegue la presentazione dei nuovi arrivati in casa Spal. E’ stato il turno di Luca Coccolo e Ludovico D’Orazio. “Coccolo -ha affermato il D.T. Massimo Tarantino- lo abbiamo seguito a lungo, ha caratteristiche ideali per un difensore del calcio di oggi”. “E’ nato comee sterno sinistro -ha aggiunto il D.S. Giorgio Zamuner- è veloce e ha un gran stacco aereo. Abbiamo avuto ottime referenze anche come persona. Puntiamo molto su di lui, speriamo resti a lungo con noi, anche se ci dovremo confrontare con la Juventus”. “Non ho molta esperienza in serie B -ha detto proprio Coccolo-, sono qui per imparare, come ho fatto potendomi allenare, quando ero alla Juventus Under 23, con Chiellini, ma non paragonatemi a lui. Alla Spal in difesa siamo un mix tra giovani ed esperti. Penso potremo fare bene, anche grazie lavoro del nostro allenatore. A me piace, perché ci chiede costantemente di far gioco e cercare di recuperare palla prima possibile. Difficile porci obiettivi di classifica. La serie B è campionato equilibratissimo. Sono gi episodi a decidere la maggioranza delle partite”.

“Conosco D’Orazio da quando giocava nelle giovanili della Roma -ha detto Massimo Tarantino-, ho vissuto parte della sua formazione sportiva. Ha grande talento, ma deve maturare. Crediamo in lui. Lo consideriamo un patrimonio della società”. “Mi ero segnato il suo nome -è intervenuto Zamuner- dopo aver visto Lodovico con la maglia della Feralpi. L’ho proposto a Massimo(Tarantino ndr) e immediatamente abbiamo condiviso l’idea di avviare l’operazione per portarlo a Ferrara. Deve crescere, in particolare essere più cattivo e continuo”. “Condivido le affermazioni dei miei Direttori -ha detto proprio D’Orazio-, voglio proseguire nel percorso iniziato la scorsa stagione. Quest’anno avrò la possibilità di confrontarmi e allenarmi con giocatori di categoria superiore. Questo è molto importante per crescere. Sono ambizioso, sogno la serie A, l’Europa e la maglia della Nazionale. Il mio ruolo è quello di esterno sinistro di attacco, ma nella scorsa stagione, quando nei play-off sono stato spostato, a destra ho fatto le cose migliori”.

Nel frattempo il mercato è in pieno fermento. Sono arrivati a Ferrara il portiere Alberto Pomini, 40 anni, ex Sassuolo e Venezia, e il difensore mancino Raffaele Celia, 22 anni, nella scorsa stagione 33 presenze e 2 gol con la maglia dell’Alessandria. Da più parti viene dato per fatto l’ingaggio di Giovanni Crociata, classe ’97, centrocampista, mancino che, nel campionato 20/21, è sceso in capo 12 volte con la maglia dell’Empoli e, nel girone di andata, 2 con quella del Crotone. Dalla cessioni dipenderà l’arrivo di un attaccante. Quella di Strizzolo(Cremonese pare l’operazione più fattibile), Gondo(Salernitana) potrebbe essere un’alternativa, La Mantia(Empoli) forse solo un sogno. Nel frattempo si registra la cessione, in prestito, di Tunjov alla Carrarese.

E c’è da registrare il bel debutto della Primavera. I ragazzi di Piccareta, grazie alla rete, al 34’p.t. di Orfei, hanno superato 1 a 0 la Sampdoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.