SPAL: con la corazzata Lecce prova del nove

Dopo una sconfitta e due pareggi, a caccia di una prestazione di qualità necessaria per legittimare aspirazioni di alta classifica

Grande attesa per il confronto tra la squadra di Marino e il Lecce che, con quelli di Empoli e Monza, vanta uno degli organici più competitivi della serie B. Per la Spal quindi un test di primaria rilevanza per chiarire, dopo le sei vittorie consecutive, la sconfitta a Cittadella e i pareggi con Chievo e Venezia, qual’è l’obiettivo a cui può realisticamente ambire. “Non possiamo nascondere -ha affermato Pasquale Marino- il valore del Lecce, ma noi, quando stiamo bene, abbiamo le qualità per mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Il campionato è equilibrato. Lo dimostrano le sconfitte del Monza e delle stesso Lecce, che comunque reputo tra le squadre meglio attrezzate della categoria. Per quanto ci riguarda in queste ultime giornate avremmo meritato almeno due punti in più”. -E’ una Spal che fatica in trasferta, è solida in difesa, mentre fatica a trovare il gol con continuità- “In realtà -ha risposto il tecnico spallino- fuori casa siamo poco cinici. Lo siamo stati a Reggio Calabria e Chiavari, mentre non abbiamo saputo sfruttare le occasioni create in queste ultime giornate. Sono aspetti sui quali stiamo lavorando per migliorare. In particolare in trasferta dobbiamo lasciare meno l’iniziativa nelle mani dei nostri avversari”. -Tre scontri diretti nello spazio di otto giorni…- “Certamente -ha sottolineato Marino- non ci mancheranno gli stimoli, ma sarebbe stato preferibile avere più tempo per recuperare energie. Non è comunque un problema solo nostro. In queste situazioni vanno valutate attentamente le condizioni dei giocatori, prima di decidere la formazione. Non chiedetemi quindi indicazioni in merito. Posso dire che non avremo D’Alessandro, per un problema ad un piede, nulla comnunque di preoccupante, che Dickmann ha speso molte energie a Venezia e che torna a disposizione Valoti. Abbiamo tante opzioni, con vari giocatori polivalenti. Ad esempio Sernicola, che ha dimostrato di poter essere molto utile, sia come difensore, che come esterno”. -Fischietto di lusso, Doveri- “Fa piacere una designazione di questo livello -ha puntualizzato l’allenatore della Spal- anche se gli arbitri di norma utilizzati nel massimo campionato possono incontrare qualche difficoltà in serie B, non avendo il supporto della VAR”. Tanti interrogativi quindi in merito allo schieramento iniziale. Lo stesso Marino potrebbe prendere le decisioni definitive dopo la seduta di rifinitura, in programma a poche ore dall’inizio della gara. Un’ipotesi potrebbe essere Thiam; Salamon, Vicari, Tomovic; Sernicola, Salvatore Esposito, Missiroli, Sala; Castro; Paloschi, Di Francesco. Corini blocato a Lecce causa positività, e sostituito in panchina da Lanna, potrebbe affidarsi, con l’obiettivo di chiedere alla sua squadra il riscatto, dopo la scoppola dello 0 a 3 interno con il Pisa, a Gabriel; Adjapong, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Paganini, Tachtsidis, Henderson; Falco; Coda, Stepinski. Dirigerà Daniele Doveri, uno degli arbitri piu esperti a disposizione della CAN, della sezione Roma 1. Fischio di inizio alle ore 19.00. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Berisha, Viviani, D’Aloessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *