SPAL – CON L’ASCOLI PER LA DEFINITIVA CONFERMA

Una vittoria aprirebbe alla squadra di Rastelli un finale di stagione che potrebbe regalare tante soddisfazioni e qualche sogno

Dopo l’impresa di Lecce la Spal deve confermarsi per continuare la scalata almeno verso posizioni privilegiate in zona play-off. Obiettivo è far bottino pieno con l’Ascoli, squadra galvanizzata dai successi interni con Vicenza e Monza, che hanno tornato ad alimentare le speranze di salvezza evitando i play-out, ma che non mettono i marchigiani al riparo dal rischio di retrocessione diretta, anche perché il calendario delle ultime quattro giornate è da brividi(Empoli, Reggina, Cittadella, Chievo). Intuibile che l’Ascoli, che in trasferta ha subito nove sconfitte, si presenti al Mazza con l’obiettivo primario di chiudere tutti i varchi, pronto a ripartire per rifornire un rigenerato Dionisi, arrivato gennaio e già cinque volte in gol.”Ho detto ai ragazzi -ha esordito Rastelli, presentando il match con l’Ascoli- che siamo attesi dalla partita più difficile tra quelle che ci porteranno alla fine della stagione. Affronteremo una squadra galvanizzata dagli ultimi risultati e con valori ben superiori a quanto può far pensare la classifica. Molte cose sono cambiate in positivo con l’arrivo di Sottil e con i tanti innesti del mercato di gennaio. Dovremo essere quelli di Lecce, dove abbiamo lottato su tutti i palloni, con determinazione e tanta cattiveria agonistica”. -Non ci saranno Mora e Sernicola…- “Questa squadra ha dimostrato di poter sopperire alle assenze -ha puntualizzato Rastelli-, sin dalle prime partite quando sono arrivato a Ferrara. L’importante sarà mettere in campo grande determinazione, così da far emergere le nostre qualità tecniche. Sarà fondamentale dare continuità a quanto di buono abbiamo fatto ultimamente, anche se i complimenti mi fanno paura. Il passato conta nulla. E’ vero, siamo tutti convinti di poter guardare in alto, anche alla promozione diretta. In palio, prima della conclusione della stagione regolare, ci son 15 punti, vogliamo provarci….”. -Ancora molte indisponibilità. Mora e Sernicola sono squalificati. Quali sono le condizioni di Vicari, Tumminello e Paloschi?- “Abbiamo dimostrato di saper sopperire alle assenze -ha tenuto precisare il tecnico spallino-, lo dicono i risultati. I ragazzi sono in grado di adattarsi, questo è il calcio di oggi, sanno interpretare tutti i moduli. Abbiamo avuto una conferma dalla gara di Lecce, dove il passaggio alla difesa a quattro ha dato ottimi risultati. Per quanto riguarda gli infortunati, stiamo gestendo la situazione Vicari, che dovrebbe essere convocabile, mentre Paloschi e Tumminello potrebbero rientrare nella gara con il Frosinone, dopo la trasferta di Brescia. Floccari è ormai al 100% e Asencio, lo abbiamo già visto a Lecce, può assicurare un discreto minutaggio”. Si potrebbe quindi vedere una Spal con Berisha; Dickmann, Okoli, Ranieri, Sala; Segre, Viviani, Missiroli; Strefezza, Valoti; Floccari. Sottil, che non avrà Kragl, potrebbe rispondere con Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, D’Orazio; Saric, Buchel, Caligara; Sabiri, Bidaoui; Dionisi. Fischio di inizio di Piero Giacomelli, della sezione di Trieste, alle ore 21.00. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *