SPAL – CUS: il matrimonio si consolida, il punto di Mattioli su stadio e Daspo

Prosegue la partnership tra i due sodalizi sportivi ferraresi

Per il quarto anno il C.U.S. Ferrara ospita gli atleti della Spal, che possono utilizzare le strutture di via Liuzzo e via Gramicia. In particolare, dai giocatori dalla prima squadra, a quelli delle giovanili possono usufruire degli impianti, soprattutto nei periodi di recupero, in seguito ad infortuni. “Per noi il CUS è un punto di riferimento non solo per i nostri atleti -ha sottolineato il presidente Walter Mattioli-, non solo per i giocatori, ma anche per i loro familiari. Poi non scordiamoci anche la disponibilità dei gestori del ristorante..”. -Spal-Atalanta al Mazza?- “Sono molto ottimista, in alcuni giorni hanno lavorato contemporaneamente anche oltre duecento operai. Speriamo di non trovarci a dover fare i conti con inconvenienti imprevisti. Se non ci saranno sorprese ce la faremo. Voglio chiedere scusa a tutti gli abitanti della zona, so che hanno dovuto confrontarsi con un’estate molto disagiata, desidero sentitamente ringraziarli e chidere di portiare pasienza ancora per questi ultimi giorni”. -Sui ventidue Daspo- “Tanta amarezza, a partire da quel giorno ad Auronzo, appena venni informato dell’accaduto. Sono situazioni che portano a dare un’immagine della tifoseria ferrarese completamente opposta alla realtà. Un’episodio che mi fa tantissimo dispiacere, anche perché noi abbiamo bisogno di quati ragazzi, che sono stati fondamentali, per arrivare dove siamo oggi. Noi li vogliamo dentro lo stadio a tifare, non fuori. Desidero -ha poi concluso Mattioli- ricordare a tutti di restare con i piedi per terra. Ho sentito parlare di Europa League, il nostro unico obiettivo è la conquista di una tranquilla salvezza”.

Intervista Giorgio Tosi(Presidente C.U.S. Ferrara)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *