SPAL – Debutto con un’Atalanta da Champions

Si parte con un test durissimo, in attesa delle ultime mosse di mercato, dopo l’arrivo di Tomovic

Finalmente si alza il sipario sul campionato. Dopo un’estate tribolata per le vicende stadio, il Paolo Mazza riapre le porte al terzo anno di serie A, per una sorta di miracolo biancoazzurro. Arriva l’Atalanta pronta per affrontare la sua prima storica Champions. Basta dire ciò per presentare le difficoltà dell’impegno che attende Floccari, uno dei sei componenti la colonia di ex nerazzurri, al fianco di Berisha, D’Alessandro, Kurtic, Paloschi e Petagna, e compagni. Spal che ancora deve svelare il suo vero volto. I veli potranno essere tolti solo alla conclusione del mercato, che si chiuderà lunedì 2 agosto, dopo che avrà disputato anche il derby del Dall’Ara, in programma venerdì. Prima di questa scadenza difficile poter, con cognizione di causa, ipotizzare quello che potrà essere il cammino nella prossima stagione. Il valore dei giocatori che arriveranno a Ferrara a giorni potrà infatti determinare le sorti biancoazzurre. “Noi dobbiamo solo pensare all’Atalanta -ha doverosamente affermato Semplici alla vigilia del confronto con la Dea- la società conosce la situazione è, seppur nel mercato più difficile dal mio arrivo a Ferrara, sono convinto opererà nel modo adeguato”. -Nel frattempo è arrivato Tomovic- “Giocatore esperto, che potrà essere molto utile, per le sue qualità e la grande esperienza, acquisita in tanti anni di carriera. E’ già disponibile, ma si è allenato con noi solo per mezz’ora, quindi inizierà dalla panchina”. -Arriverà un’Atalanta da Champions- “Non è necessario mettere in evidenza i valori dei nostri avversari -ha sottolineato Semplici-, stesso gruppo da anni, rinforzato con alcuni innesti importanti, per ben figurare in Europa”. -Come si può contrastare la squadra di Gasperini?- “Necessaria tantissima attenzione nella fase difensiva, non intendo solo da parte del reparto arretrato, ma di tutti i giocatori che scenderanno in campo. -ha detto molto chiaramente l’allenatore della Spal-, dovremo far tesoro degli errori spesso commessi nel precampionato”. -Ipotizzabili novità tattiche?- “Non è un problema di modulo -ha precisato Semplici-, ma di come i giocatori stanno in campo. Abbiamo studiato varie soluzioni, con particolare attenzione all’organizzazione in fase di non possesso, visto che non ci sarà possibile tenere noi sempre palla. Bisogna essere molto aggressivi ed evitare di portare gli avversari in area. Con le qualità degli attaccanti in serie A, equivarrebbe ad un suicidio. L’importante è che tutti i ragazzi sono a disposizione, compreso Floccari. Vedo in loro entusiasmo e convinzione, come nella società. C’è consapevolezza -ha concluso Semplici- dei nostri mezzi, seppur coscienti di essere attesi da un compito molto impegnativo, ma sono convinto, anche grazie al calore dei nostri tifosi, che anche quest’anno ci toglieremo delle belle soddisfazioni”.
Spal che quindi potrebbe presentarsi con Berisha; Cionek, Vicari, Felipe; D’Alessandro, Murgia, Missiroli, Kurtic, Igor; Di Francesco; Petagna. Gasperini, che dovrà rinunciare a Ilicic squalificato, Castagne infortunato e potrebbe far partire Muriel, non al meglio, dalla panchina, dovrebbe rispondere con Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Malinovsky; Gomez, Zapata. Venduti 3363 biglietti di cui 1284 per il settore ospiti. Fischio di inizio di Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo, alle 20.45. Radiocronaca diretta sulle frequenze di Radio International. Con la ripresa del campionato Telestense, a partire dalle 20.30, ripropone l’appuntamento con Match e lunedì, alle 21.00, con Lunedì Sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *