SPAL: difficile seguire la traccia Juventus

Per i compensi dei tesserati, la Lega Calcio propone sospensione stipendi quattro mesi, l’AIC uno

La Spal non potrà imboccare la strada indicata dalla Juventus per la “riduzione” dei compensi dei giocatori. La società della famiglia Agnelli va verso un accordo che prevede il taglio di un terzo degli stipendi relativi all’ultimo quadrimestre del campionato in corso, sempre che lo stesso non riprenda. Il rimanente degli emolumenti di questo periodo sarebbe assicurato ai tesserati bianconeri inserendolo nel bilancio della stagione 2020/2021. Un’operazione favorita dal fatto che la stragrande maggioranza dei giocatori attualmente in forza alla Juventus è in possesso del contratto anche per la prossima stagione. Praticamente tutti, eccezione fatta per Buffon e Chiellini, che sono ad un passo dal rinnovo. Una situazione diametralmente opposta a quella della Spal. Si contano infatti sulla punta delle dita i giocatori legati alla formazione ferrarese per il campionato 2020/2021: Thiam, Bonifazi, Salamon, Vicari, Strefezza, Fares, Missiroli, Murgia, Tunjov, Valoti, oltre a Berisha, Di Francesco, D’Alessandro, Tomovic e Sala le posizioni dei quali sono da definire. In scadenza il prossimo 30 giugno anche l’accordo con Di Biagio e il suo staff. Nel frattempo la Lega Calcio ha proposto la sospensione degli stipendi per quattro mesi, l’Associazione Calciatori uno. Se ne riparlerà nei prossimi giorni, ma sia la Lega che l’AIC sperano poter tornare in campo per chiudere la stagione. Tutti temi che saranno affrontati nell’Assemblea della Lega Serie A convocata per venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *