SPAL: far punti anche per Semplici

Con l’allenatore convalescente e Consumi in panchina, un motivo in più per mettere alle corde il Sassuolo. Forti interrogativi sul modulo


Dopo le sconfitte con Atalante e Fiorntina la Spal tenterà di tornare a muovere la classifica al Mapei Stadium, dove affronterà il Sassuolo. “Avremo un motivo in più per far bene -ha esordito Andrea Consumi, che siederà in panchina al posto del convalescente Semplici- vogliamo fare un bel regalo al nostro allenatore, che ci seguirà da lontano. Dobbiamo farlo soffrire il meno possibile”. -Settimana difficile, la sconfitta con la Firentina e le relative polemiche, oltre all’operazione cui è stato sottoposto Semplici- “Abbiamo velocemente accantonato la battuta d’arresto con la Viola -ha tenuto precisare con convinzione Consumi- ci siamo, fin da martedì, concentrati sulla gara con il Sassuolo. I ragazzi sono parsi determinatissimi durante tutti gli allenamenti, probabilmente spinti anche dal desiderio di dare una bella soddisfazione al loro allenatore. Devo dire che sono sollevato. In questi giorni l’ho sentito molto sereno, con tanta voglia di tornare al lavoro in tempi brevi. Ci siamo scambiati idee e opinioni quotidianamente. Durante la partita con il Sassuolo cercheremo di lasciarlo tranquillo. Ci consulteremo fino a qualche minuto dal fischio di inizio e nell’immediato dopo gara”. -Non ci saranno Schiattarella squalificato, Jankovic, che resterà a Ferrara, per proseguire il suo lavoro di recupero personalizzato e soprattutto Lazzari. Cambio di modulo in vista?- “L’importante -ha tenuto evidenziare Consumi- è non snaturare il nostro modo di interpretare il calcio. Dobbiamo essere sempre propositivi. I ragazzi devono essere bravi interpretare partite, anche in base alle caratteristiche dell’avversario. Dovremo verificare il modulo del Sassuolo, non è detto giochi con il 4-3-3. All’andata adottarono il 3-4-3. Dopo le big, la squadra di De Zerbi è quella più in grado di tutte mettere in difficoltà gli avversari. Sono bravi a far girare velocemente la palla e occupare gli spazi. Con la Fiorentina, anche se non si fosse fatto male Lazzari, viste le problematiche dei primi minuti, saremmo andati a quattro”. -Quindi stesso atteggiamento a Reggio Emilia?- “Non è detto. -è stata la pronta risposta di Consumi- l’impiego di Dickmann e la conferma del modulo non sono del tutto da escludere. Come in alternativa lo schieramento di Fares, esterno sinistro nella difesa a quattro, oggi Mohamed può assicurarci garanzie in più ruoli, a Genova fece la mezz’ala…”. -Sassuolo senza Berardi- ”Giocatore di grandi qualità, ma con il tipo calcio che pratica la squadra di De Zerbi Boga e Djuricic possono fare molto bene. Dovremo stare molto attenti -ha concluso Consumi, che si troverà per la seconda volta a guidare in prima persona la Spal, dopo lo 0 a 0 in Lega Pro a L’Aquila- e non far loro prendere campo. Sono molto bravi a giostrare tra centrocampo e attacco, non dovremo farli girare”.
Seguendo la linea del suo “capo” Consumi non fornisce indicazioni precise sulla formazione. E questa settimana ci sono pure forti dubbi sul modulo. Si potrebbe prevedere una Spal con Viviano; Cionek, Bonifazi, Felipe, Fares; Kurtic, Missiroli, Murgia, Valoti; Paloschi, Petagna. Sul fronte opposto Roberto De Zerbi, che non avrà lo squalificato Berardi, dovrebbe apportare qualche modifica dopo che nelle ultime di gare la sua squadra ha subito sette gare sedici gol. Il modulo dovrebbe comunqweu essere confermato, ovvero il 4-3-3 che con la Spal potrebbe vedere come attori Consigli; Lirola, Peluso, Magnani, Rogerio; Duncan, Magnanelli, Locatelli; Boga, Babacar, Djuricic. Sono 1.795 i biglietti venduti per il settore ospiti. Si gioca finalmente in un orario tradizionale, domenica alle 15.00. Gara affidata a Fabio Maresca, della sezione di Napoli. Radiocronaca diretta sulle frequenze di Radio International.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *