SPAL: finisce l’era Clotet? Inizia quella Venturato?

Evidentemente la società ritiene la posizione in classifica inferiore al valore della squadra. In corso profonde riflessioni.

Anche se qualche malumore ultimamente era affiorato, il possibile cambio di conduzione tecnica in casa Spal può essere definito una sorta di fulmine a ciel sereno. Spontaneo chiedersi, visto il lungo periodo intercorso tra la sconfitta di Frosinone e la ripresa della preparazione, i motivi della lunghezza dei tempi per arrivare alla drastica decisione. Possibile si sia registrata anche qualche divergenza, tra il tecnico catalano e la società, sulle strategie di mercato. Clotet lascerebbe comunque la squadra nella posizione che gli era stato chiesto di raggiungere, ovvero fuori dalla zona retrocessione, anche se i soli tre punti di vantaggio sul quintultimo posto non sono tali da poter guardare al futuro in tranquillità. Si cambierebbe quindi radicalmente la filosofia da un tecnico che in serie B aveva alle sue spalle solo la mezza scorsa stagione al Brescia, a un allenatore reduce da cinque annate nel torneo cadetto, tutte a Cittadella, dove, dopo la promozione dalla C, è sempre arrivato ai play-off e in due occasioni fino alla finale per salire in A. In precedenza tra Pizzighettone, Cremonese, Pergolettese e Piacenza quattro tornei in serie D, due in C2 e quattro in C1. Diverse anche le generazioni, Clotet compirà infatti 45 anni il prossimo 28 aprile, mentre Venturato, originario di Atherton in Australia, ne farà 59 due settimane prima. Simile il modo di interpretare il calcio, amando entrambi un gioco veloce e offensivo. Una delle prerogative del Cittadella di Venturato è sempre stata quella di puntare su giocatori provenienti dalle categorie inferiori, indipendentemente dall’età. Squadre costruite con giusto equilibrio tra elementi da lanciare e esperti, spesso approdati alla società di patron Gabrielli grazie al fiuto del D.S. Marchetti. La situazione è in via di evoluzione, di sicuro in casa Spal viene monitorata con grande attenzione e le prossime ore potrebbero essere determinanti per ile future strategie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *