SPAL – Kurtic non si vuole considerare ancora salvo

E sottolinea come questa squadra abbia dimostrato di possedere gli attributi. Lavoro differenziato per Fares, Simic, Dickmann, Jankovic

Tra il successo di Empoli ed il match interno con il Genoa è toccato a Jasmin Kurtic tracciare un bilancio della stagione in casa a Spal. Per lui ultimi mesi ricchi di soddisfazione, non solo sul piano professionale. “Sono diventato papà di Mateo, è meraviglioso -ha affermato con un eloquente sorriso il centrocampista della Spal-. Sono aumentate le responsabilità. E’ un effetto che si ripercuote anche sul mio lavoro, negli allenamenti e nelle partite”. -E’ arrivato anche il prolungamento del contratto fino al 2021- “Avevo percepito grande fiducia sin dal giorno del mio arrivo a Ferrara. E’ un bel momento della mia carriera che potrei chiudere a Ferrara, anche se si sa che nel calcio di certezze ce ne sono poche. Presidente, direttore e tutto l’ambiente una grande famiglia. Tifosi meravigliosi -ha tenuto sottolineare Kurtic-, sempre vicini”. -Anche se in alcune circostanze si sono un po’ lamentati- “Ci hanno chiesto di tirar fuori gli attributi -ha ricordato il centrocampista sloveno- e noi abbiamo dimostrato di averli, fallendo sotto questo profilo solo a Cagliari. Non solo battendo Roma, Lazio e Juventus, ma anche andando a vincere a Frosinone, una della partite più difficili. Ci sono state lamentele per i tanti pareggi interni con dirette rivali all’andata. Non è facile giocare bene con certe squadre, con le quali abbiamo però creato tante occasioni. Alla fine i risultati sono dalla nostra parte. A volte inutile giocare bene e perdere”. -E ormai è fatta…- “Fino a quando non avremo la certezza aritmetica -ha puntualizzato Kurtic- nello spogliatoio nemmeno sfioriamo certi discorsi. Ci diciamo semplicemente di continuare a lavorare a testa bassa per preparare con il massimo impegno la partita successiva, con la consapevolezza che è dura per tutti battere questa Spal, ma facendo attenzione, perché il calcio insegna che tutto può essere stravolto nello spazio di pochissimo tempo, per cui in questi giorni si pensa solo al Genoa…”. Nel frattempo la truppa di Semplici prosegue la preparazione per la gara con la squadra ligure. Hanno svolto attività ridotta Dikmann, Simic, Jankovic e Fares. Per l’esterno mancino contusione alla caviglia sinistra, riportata durante la seduta pomeridiana di mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *