SPAL – La Mantia: “Volevo Ferrara da mesi, allettato dai programmi”

L’ex attaccante dell’Empoli, esperto di promozioni, è motivatissimo dal progetto societario e non nasconde le possibilità di poter puntare a traguardi ambiziosi


E’ arrivato il giorno di Andrea La Mantia. “Il presidente -ha esordito Fabio Lupo- aprendo la presentazione del nuovo attaccante biancoazzurro- si era posto come principale obiettivo di mercato l’attaccante in forza all’Empoli- e abbiamo fatto di tutto per chiudere l’operazione. Possiede tutto ciò che cerchiamo nei nostri giocatori: qualità tecniche, doti morali, motivazioni e convinzione nel nostro progetto”.
“Tanti complimenti -ha incalzato La Mantia- ora tocca a me rispettare le aspettative. Dopo tanti anni nel calcio professionistico, penso poter reggere alla pressione che prevedo cadrà sulle mie spalle. E’ vero, sono entusiasta del progetto che mi è stato sottoposto e per la determinazione con cui il presidente e il direttore mi hanno cercato. Devo essere sincero, speravo di arrivare già a gennaio, ma non si è potuto fare. Anche nel corso di questo mercato, a un certo punto, pensavo la trattativa potesse saltare, ma io volevo solo Spal e ho messo bene in chiaro le cose con l’Empoli. Alla fine ce l’abbiamo fatta”. -Meccariello, Mancosu, La Mantia…- ”Al contrario di Empoli, dove si partiva con grandi ambizioni, insieme a Biagio e Marco, a Lecce, abbiamo centrato inaspettatamente la promozione -è prontamente intervenuto l’esperto attaccante di Marino -sono ricordi bellissimi, indelebili. E anche tanti insegnamenti, come quello che, in questa categoria, rispetto alla serie A, conta maggiormente una corsa in più che il grande nome. La compattezza del gruppo è determinante. Non posso nascondere che gli ex compagni hanno avuto un ruolo importante nella mia determinazione di scegliere la Spal. Hanno fatto di tutto, come bloccare chiunque, al momento della scelta del numero, avesse anche solo lontanamente accarezzato l’ipotesi di indossare la maglia “19”, che per me è un amuleto. Hanno fatto un po’ di sano nonnismo”. -La Mantia-Moncini coppia che fa sognare i tifosi…- “Gabriele è gran goleador per la serie B -ha confermato con evidente convinzione l’attaccante arrivato dall’Empoli-, ma non scordiamoci le qualità di Finotto, poi mi stanno piacendo i giovani Rauti e Rabbi. Sono bravi! Ci sono tutti i presupposti per fare bene. Sono veramente affascinato da questo progetto. Dopo un anno in cui sono rimasto un po’ ai margini ho tanta voglia di tornare protagonista. Non vedo l’ora di scendere in campo in un impianto che è un gioiello. Ci ho giocato con il Lecce, bellissima struttura con tifosi caldissimi, spetterà a noi caricarli ulteriormente e portarne sempre di più al nostro fianco per sostenerci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.