SPAL: la settimana di Bonifazi

Entro sabato si conoscerà il futuro del Nazionale Under 21

Mercoledì ultimo giorno utile per esercitare i riscatti, sabato quello per i controriscatti. La prossima sarà quindi la settimana decisiva per conoscere quale sarà la società che diventerà proprietaria del cartellino di Kevin Bonifazi. Di sicuro la Spal verserà i dieci milioni di euro necessari per provare ad assicurarsi il difensore attualmente impegnato negli Europei Under 21. Si dovrà poi attendere l’operato del Torino che se deciderà di portare a casa il giocatore dovrà rendere alla società dei Colombarini quanto in precedenza pagato, con l’aggiunta di un milione. E questa sembra la soluzione più probabile, poi potrebbero aprirsi due strade. Ce ne sarebbe una terza, quella che porterebbe all’inserimento di Bonifazi nella rosa granata, ma questo sembra un epilogo meno prevedibile, perché Mazzarri pare preferire altri giocatori per il suo reparto difensivo. Quindi? Cairo potrebbe cercare di far cassa, visto che al contrario del suo allenatore, sembrano non mancare gli estimatori per l’Azzurrino, ma In casa Spal si sta facendo di tutto per mettere ancora Bonifazi a disposizione di Semplici. Il Torino potrebbe mantenere il controllo del giocatore, ma lasciarlo per un’altra stagione a Ferrara con un accordo simile a quello tra Spal e Lazio per quanto riguarda Alessandro Murgia. Non è quindi detto che sabato si conosca definitivamente quale maglia vestirà Bonifazi nella prossima stagione, perché il Torino potrebbe esercitare il controriscatto poi attendere eventuali sviluppi di mercato, per verificare la consistenza delle eventuali proposte di altre società. Cairo però non potrà prolungare esageratamente il momento della scelta definitiva, perché la Spal non crediamo proprio sarà disposta ad aspettare troppo a lungo le decisioni altrui. Nessun dubbio invece per le sorti di Moncini, che è nella stessa situazione con il Cittadella, a parti però invertite. Ultima parola che spetta alla Spal che da tempo ha deciso di riportarsi a casa l’ex attaccante del Cesena. Visto che per decidere le posizioni tra i tanti giocatori che dovranno essere definite entro sabato 22 dirigenti e procuratori hanno in programma vari summit, la prossima settimana Vagnati potrebbe anche chiudere qualche trattativa già abbozzata. Indipendentemente dal futuro di Fares, Lazzari e Petagna, i cui destini indubbiamente condizioneranno il mercato della Spal, almeno un titolare per reparto potrà già essere ingaggiato. Poi ci saranno da coprire le caselle lasciate vacanti dai tanti elementi che vengono dati certamente in partenza ad iniziare dai prestiti, per finire ai vari Antenucci, Schiattarella, Paloschi e Dickmann. I contatti sono tanti, ma non è facile chiudere le trattative. Sui capilista la concorrenza non manca e oggi i prezzi sono ben lontani dal budget ferrarese, ma qualche operazione dovrà a breve andare in porto. E con i primi arrivi saranno tolti i veli anche dal modulo su cui Semplici deciderà puntare per conquistare la terza salvezza. Qualche indizio c’è già, a partire dall’interesse per Saponara, che comporterebbe l’addio al 3-5-2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *