SPAL: la soddisfazione di Lupo nell’esaminare il mercato

Il Direttore convinto di un lavoro che darà frutti nel presente e nel futuro

Con le presentazioni di Fiordaliso e Valzania si è conclusa definitivamente la fase del mercato e Fabio Lupo ha voluto tracciare un piccolo bilancio. “Prima di tutto -ha detto il Direttore- desidero ringraziare, a nome di tutto lo staff, il presidente Tacopina, per la fiducia che ci ha concesso nell’operatività, ha creduto, come l’intera Società, in noi. Un grande apporto sul piano operativo ci è stato garantito da Andrea Gazzoli. E un super ringraziamento va al nostro segretario Michele Sebastiani. Non ha avuto un istante di tregua, compreso il giorno di Ferragosto.” -Tra entrate e uscite, oltre trenta movimenti- “Mi ha fatto particolarmente piacere -ha sottolineato Fabio Lupo- come l’ambiente ha accolto il nostro modo di operare, con l’obiettivo di ottenere già nel breve risultati importanti, ma anche con una programmazione per crescere, rispettando i parametri richiesti dalla proprietà. Siamo riusciti a rimanere nel budget della scorsa stagione, anche se sono arrivati giocatori importanti, come La Mantia e Moncini per i quali l’abbiamo spuntata su una concorrenza agguerrita. Decisiva è stata la volontà dei ragazzi, che hanno sposato il nostro progetto. Per noi motivo di grande orgoglio. Poi non scordiamoci i giovani. Anche sotto questo profilo ritengo siamo sulla strada giusta. Abati, Puletto, Saiani, Boccia ha un grande futuro. Importante il lavoro dei nostri collaboratori che hanno scovato un talento come Prati e che lavorano con occhio vigile anche all’estero. Poi abbiamo tanti ragazzi del ‘95 e del ‘96 nel vivaio, per i quali prevedo un domani importante”. -A proposito di futuro, prossime mosse?- “Abbiamo alcuni appuntamenti in agenda -ha con prontezza risposto il Direttore-, dobbiamo mantenere alcune promesse. Nel pieno del mercato, e a campionato in corso, alcuni giocatori avevano ricevuto proposte importanti da altre squadre, ma hanno voluto restare alla Spal, credendo nella nostre rassicurazioni. Su tutti Dickmann, ma anche Thiam. Sappiamo come sono andate le cose. Sperava di partire titolare, è rimasto un po’ amareggiato, ma ora sta lavorando al massimo per esprimere tutto il suo valore, come Esposito. Il nostro capitano ha imboccato la strada giusta per confermare che la chiamata di Mancini in Nazionale non è stata un regalo. Infine vorrei mettere in evidenza l’atteggiamento di Murgia. Il ragazzo sta dimostrando con i fatti di voler rimettersi in gioco e di credere in un futuro importante con la maglia della Spal. Lo conferma l’impegno che mette negli allenamenti e anche il livello delle prestazioni durante le partite. Da non scordare la disponibilità che ha dato alla società, di rimodulare il suo contratto”. -Da più parti era stato chiesto nel corso del mercato almeno un altro inserimento in difesa- “Sono convinto -ha prontamente risposto Lupo- di non aver alcun problema in questo comparto. Ci mancava solo un giocatore. E’ arrivato: Fiordaliso. Nella mia carriera qualche difensore lo ho azzeccato. Ho portato a Palermo Dawidowicz e a Venezia Ceccaroni…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.