SPAL: da lunedì via libera agli allenamenti, ma a Ferrara si aspetta il “protocollo”

Bonaccini ha firmato l’autorizzazione, ma in casa biancoazzurra l’attività resta sospesa in attesa delle disposizioni tecnico scientifiche

Il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini ha firmato l’ordinanza che consente a S.P.A.L., Bologna, Parma e Sassuolo di riprendere gli allenamenti nei rispettivi centri sportivi. Le sedute, che potranno iniziare da lunedì, dovranno essere individuali e a porte chiuse. Bonaccini ha quindi risposto positivamente alla richiesta inoltrata dalle quattro società emiliane che militano nel massimo campionato. Si resta in attesa di verificare se i giocatori saranno convocati, delle reazioni del Governo e delle altre squadre di serie A. Al proposito arriva il comunicato della Spal: “SPAL srl comunica che relativamente all’ordinanza emessa dalla presidenza regionale dell’Emilia-Romagna di giovedì 30 aprile l’attività della prima squadra biancazzurra rimarrà sospesa in attesa del protocollo sanitario e delle norme sulla definizione di ripresa delle competizioni sportive“. La decisione di Bonaccini potrebbe aprire la strada alla ripresa dell’attività, nei vari centri sportivi, per tutti i club del massimo campionato. Il tutto in attesa di sapere se e quando potranno riprendere i campionati, mentre per quanto riguarda gli allenamenti di squadra la data prevista è già fissata al 18 maggio.
Nel frattempo, al termine dell’assemblea di Lega, cui hanno partecipato in videoconferenza i rappresentanti di tutte le società, è stata ribadita l’unanime volontà di completare il campionato. Molto dipenderà dagli sviluppi dell’incontro con la Commissione Tecnico Scientifica in programma nei prossimi giorni. Sul tavolo modifiche al protocollo precedentemente predisposto. Ovviamente il via libera definitivo a disputare le partite sarà determinato dall’evolversi dell’epidemia nell’intero paese. Nella malaugurata ipotesi che il Governo debba intimare lo stop a tutti i campionati dovrebbe prevalere la linea che porterebbe a decretare promozioni e retrocessioni basandosi sulle attuali classifiche. I tempi comunque per arrivare a decisioni definitive non paiono ancora maturi. A breve scadenza l’ipotesi più probabile è il via libera agli allenamenti, in attesa di verificare gli effetti della “fasedue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *