SPAL: mantenere la media delle prime sedici giornate

Proseguire con questo ritmo fino al termine dell’andata garantirebbe un bel passo avanti verso l’obiettivo salvezza

In sedici gare 20 punti, media 1,25 a partita, che porterebbe il totale, al termine della stagione, a 47,5, ben oltre la quota salvezza. Ipotizzabile infatti che con 45 punti si possano dormire sonni tranquilli, evitando anche la roulette russa dei play-out, che nella scorsa stagione non sono stati disputati, visto che l’Ascoli, quintultimo, ha chiuso con 44 punti, nove lunghezze sopra il Cosenza quartultimo. In realtà l’ipotesi che la quota salvezza possa leggermente alzarsi va presa in considerazione. Nella scorsa stagione, dopo sedici turni, le ultime tre della classifica si ritrovavano con 13 punti il Pescara, 11 l’Entella retrocesse e 10 l’Ascoli che, con una seconda fase della stagione da promozione, si è salvato. La zona play-out era a quota 15, come oggi. Visto che a breve il cammino di Pordenone(7), Vicenza(7) e Crotone(8), che chiudono la classifica, potrebbe risultare compromesso, non è da escludere che 40 punti possano non bastare per evitare i play-out, ma a 45 proprio non dovrebbero esserci problemi. Come dire che se la Spal dovesse chiudere l’andata a quota 25, metterebbe una serie ipoteca sulla possibilità di centrare l’obiettivo fissato dalla società, la salvezza. Non sarà facile, considerando gli impegni che attendono i biancoazzurri, a partire dalla prossima gara con il Brescia, passando per la successiva trasferta a Frosinone che precederà il match al Mazza con il Benevento. Un tris con tutte squadre che non nascondono giustificate ambizioni di promozione. Servirebbe almeno un colpaccio. Lo spirito e la mentalità con cui la Spal ha affrontato le ultime quattro trasferte che hanno fruttato 10 punti, appare quello giusto. Da mettere in campo anche per le gare interne, magari rinunciando anche a quell’estetica che piace tanto Clotet, l’anno scorso capace di pilotare il Brescia, che prima del suo arrivo aveva chiuso l’andata a quota 21, ai play-off… Sarebbe però una follia pensare ad un obiettivo diverso da quello della salvezza, almeno fino a quando ogni pericolo non sarà da considerarsi scampato. Ricordiamoci sempre, nel bene e nel male, le sorprese che riserva la serie B, il campionato più pazzo e imprevedibile del mondo e con gerarchie che spesso vengono stravolte dal mercato di gennaio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *