SPAL: Mattioli e Vagnati sul ko a tavolino – VIDEO ED INTERVISTA

Tanta amarezza, ma voglia di ripartire.

imageOcchi lucidi per il presidente della Spal Walter Mattioli che, in compagnia del D.S. Davide Vagnati, ha voluto chiarire nei dettagli gli aspetti della vicenda che ha portato alla sconfitta a tavolino con il Catania. Tutto dovuto ad una leggerezza della segreteria, che non ha preso in esame nei particolari le pendenze disciplinari dei tesserati delle stagioni precedenti. Sono arrivate sentite scuse nei confronti dei tifosi, con le assicurazioni di lavorare per far crescere la società anche sotto il profilo organizzativo. Prevedibili novità tra gli addetti al settore amministrativo. Da segnalare che il ranking della Tim Cup vede il Catania davanti al Cesena per cui il confronto tra Etnei e Romagnoli sarà disputato al Cibali.


Un pensiero su “SPAL: Mattioli e Vagnati sul ko a tavolino – VIDEO ED INTERVISTA

  • 12/08/2015 in 13:16
    Permalink

    Da quello che ha ribadito il presidente Mattioli,il giocatore aveva una squalifica in Tim Cup presa nel 2013 quando giocava nel Monza,poi il Monza non passo il turno in Tim Cup,e partecipo alla coppa italia di lega pro,dove Finotto fu tenuto fermo per un turno.
    Da questo la convinzione del Monza e del giocatore di aver scontato la squalifica,cosa non possibile dai regolamenti,la squalifica rimediata in Tim Cup doveva scontarla in Tim Cup.
    cosa diversa sarebbe stata una volta passato alla SPAL poteva scontare la squalifica anche in un turno di coppa Italia di lega pro avendo cambiato società,ma la cosa non e avvenuta nella scorsa stagione,quindi Finotto non aveva mai scontato il turno di penalità. quindi secondo me da quello che ho capito io la SPAL sarebbe già uscita a tavolino contro il RENDE perché Finotto era tra i convocati della partita.
    La conclusione e che sempre secondo me contro il CATANIA ci doveva andare il RENDE,quindi partita da rifare a questo punto,non so se il rende fa ancora in tempo a fare ricorso.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *