SPAL: movimenti di mercato in corso

Lavori a buon punto per difesa e centrocampo, con Maistro vicinissimo, strada in salita per l’uomo gol, ma la campagna acquisti e cessioni chiude tra più di due mesi…

Fabio Maistro attesa a breve l’ufficializzazione del suo ritorno alla Spal. Lupo l’ha spuntata sull’Ascoli.

E’ decollata la campagna abbonamenti, mentre procede, ma non ha ancora preso il volo, quella del mercato Fabio Lupo non pare avere fretta. Calma giustificata, dato che è doveroso ricordare che eventuali contratti potranno essere depositati solo dopo il 30 giugno. Non è quindi da escludere la definizione qualche accordo. Detto che la situazione portieri è delineata da tempo, per quanto concerne il reparto arretrato, in particolare il settore centrali, pare proprio che tutto sia da ritenersi andato in porto per gli ingaggi di Marco Varnier e Matteo Arena. Il ventiquattrenne scuola Atalanta, è reduce da una stagione a Como dove ha dovuto fare i conti con problemi fisici che ne hanno condizionato l’impiego anche nei due campionati precedenti a Pisa. Nel torneo 2017/2018 è stato invece titolare inamovibile nel Cittadella, evidentemente apprezzato da Venturato. Se, come pare, i guai fisici sono solo un vecchio ricordo, lo vedremo spesso far coppia con Meccariello al centro della retroguardia biancoazzurra. Alle loro spalle pronto Arena, giocatore seguito a lungo da Lupo, nella stagione che lo ha visto arrivare ai play-off con il Monopoli. Anche altre società lo avevano messo nel mirino, ma il classe ‘99 di Valenzano Bari ha deciso per la Spal. Da Firenze dicono essere vicinissimo l’accordo per girare in prestito alla società di Joe Tacopina Christian Dalle Mura, prodotto della Primavera viola, reduce da un girone di ritorno completo con la maglia del Pordenone. A questi quattro centrali aggiungiamo Peda e per il comparto i giochi sono fatti. Venendo agli esterni, caccia aperta a chi dovrà giocarsi il posto con Dickmann(Ghiringhelli?) o almeno a chi potrà costituirne una valida alternativa, anche se a contratto c’è ancora Almici. Sulla corsia opposta, scontata la conferma di Celia, probabilmente Lupo e Venturato stanno valutando se sarà opportuno cercare di rigenerare Tripaldelli oppure di trovare un altro elemento, ma, in questo caso, dovrà essere trovata una sistemazione per l’ex cagliaritano. A centrocampo si confida nel rientro in tempi non troppo lunghi di Viviani. Le condizioni del centrocampista romano saranno determinanti per spostare l’ago della bilancia del settore. Al suo fianco ci sarà Zanellato, poi, visto che il Vicenza è destinato alla serie C, la strada che porta verso Proia, pupillo di Venturato, pare essere meno impervia di quanto si sarebbe potuta profilare in caso di ripescaggio dei biancorossi. C’è poi il discorso Esposito. L’Azzurrino partirà. Lupo si augura si inneschi un’asta, anche se a giugno 2023 sarà svincolato, si evince che non sarà semplice puntare su cifre astronomiche. Da non escludere il tentativo di prolungare il contratto che lo lega alla Spal. Sperando che le voci su interessamenti per Mancosu, restino tali o non finiscano con il suscitare l’interesse né del giocatore, né della società, sarebbe un altro bel regalo per Venturato l’innesto di Fabio Maistro. Sul centrocampista di Porto Tolle, sono tante le squadre che hanno puntato l’indice. Davanti a tutte l’Ascoli, dove lo ha portato proprio Lupo nello scorso mercato estivo, ma, i rapporti che il D.S. biancoazzurro ha con la Lazio, che controlla il giocatore, pare abbiano consentito alla Spal di spuntarla. L’affare dovrebbe essere andato in porto. Tra l’altro Maistro, che potrebbe rivaleggiare con Viviani, per vedersi affidare l’incarico di battere punizioni e angoli, può essere un vero e proprio jolly da utilizzare in tutte le posizioni, che vanno da quelle davanti ai difensori a quelle a supporto degli attaccanti. Al proposito eccoci al rebus principale. Sul fronte offensivo tantissimi i punti interrogativi. Oggi la Spal ha in organico Finotto, D’Orazio e Di Francesco, che l’Empoli non ha riscattato. Lupo farà di tutto per trovargli squadra, con l’obiettivo di garantire un discreto introito e per togliere un ingaggio pesante alle casse sociali. Discorso che riguarda pure Vicari, per il quale non mancano gli estimatori e quindi non esistono problemi, al contrario di Murgia, rientrato dal Perugia, legato alla Spal fino a giugno 2024. Fatte tutte queste debite considerazioni e, in parallelo, anche quelle che riguardano i costi che sarebbe necessario sostenere per ingaggiare il giocatore in confidenza con la doppia cifra, il timore che anche per il prossimo l’arrivo del bomber resti un sogno sono sempre più che mai di attualità. Almeno tre innesti dovranno essere definiti. Lupo spera di poter confermare Latte o Colombo, mentre pare aver già trovato l’intesa con il Torino per Nicola Rauti, 22 anni, reduce da una stagione a Pescara, dove ha collezionato 29 presenze e 5 gol. Di sicuro non uno spaccareti. Potrebbe essere comunque uno di quei giocatori di movimento che piacciono tanto a Venturato. Resta sempre da individuare il pezzo forte, quello che dovrà essere il punto di riferimento del settore. Di nomi ne sono stati fatti tantissimi: Nestorovski, La Mantia, Tsadjout, Butic, Maric, Gytkiaer, tanto per estrapolarne alcuni dall’ormai chilometrico e più o meno fantascientifico elenco, in cui si potrebbe aggiungere anche qualche elemento da individuare nell’organico della squadra cui potrebbe essere destinato Esposito. Vedremo cosa uscirà dal cilindro di Lupo, che, allo stato attuale delle cose, pare ipotesi remota possa disporre delle risorse per agganciare un big. Seppur senza crearci troppe illusioni, lasciamo spazio alla speranza in una di quelle sorprese che spesso maturano nelle ultime ore del mercato alla conclusione del quale mancano più di due mesi. Al tempo stesso non si può nascondere che presentarsi al via dell’ennesimo campionato senza uomo gol sarebbe un handicap non di poco conto, a meno che Venturato, come molto spesso gli è capitato a Cittadella, individui soluzioni per sopperire a questa evidente carenza. Nel frattempo superata quota 500 abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.