SPAL: nel deserto del Tardini per interrompere il digiuno

All’ora di pranzo, dopo cinque sconfitte, a caccia di un risultato positivo per tenere in vita le ultime speranze

E’ un appuntamento molto strano quello che all’ora del desco domenicale attende la Spal e il Parma, nella prima gara di un marzo che si apre all’insegna del Coronavirus. Spalti del Tardini deserti, situazione in cui per una miriade di ragioni mai ci si sarebbe voluti ritrovare. Per quanto riguarda l’aspetto prettamente agonistico realtà in cui i giocatori non sono assolutamente abituati e che comporta difficoltà in particolare per trovare la concentrazione e la carica indispensabili per affrontare una gara che soprattutto per la Spal è di importanza quasi capitale, dopo cinque sconfitte consecutive. Le giornate che portano alla fine adella stagione sono sempre meno e con otto punti da recuperare sulla zona salvezza il tempo a disposizione è ormai ridotto all’osso. Non sono più permessi passi falsi. Indispensabile sarà far punti a Parma e sabato prossimo al Mazza con il Cagliari, appena passato dalle mani di Rolando Maran a quelle di Walter Zangara, due squadre che vantano chance europea, ma non delle corazzate, anche se il tridente di D’Aversa, Kulusevski-Cormelius-Gervinho può mettere in difficoltà qualsisia avversario. Proprio considerando le caratteristiche di questi tre attaccanti la Spal dovrà evitare di concedere spazi alle ripartenze dei ducali.
Confermate le indisponibilità di Dabo e Di Francesco, oltre a quella di Strefezza squalificato, con Fares e D’Alessandro che ancora non hanno i 90′ nelle gambe, si potrebbe vedere una Spal con un nuovo assetto tattico, rispetto al 4-3-3 delle prime due uscite targate Di Biagio. Viste le poche possibilità di scelte sugli esterni e in attacco, ipotizzabile un 4-3-1-2 con Berisha; Cionek, Bonifazi, Zukanovic, Fares; Missiroli, Valdifiori, Castro; Valoti, Petagna, Floccari. Lunghissima la lista degli indisponibili per Roberto D’Aversa, che, squalificato, dovrà seguire la gara dagli spalti nel deserto del Tardini. Il tecnico del Parma deve infatti fare i conti con gli infortuni di Sepe, Barillà, Hernani, Inglese, Laurini e Scozzarella. I ducali che sognano l’Europa potrebbero presentarsi con Colombi; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Pezzella; Kucka, Brugman, Kurtic; Kulusevski, Corenelius, Gervinho. Gara affidata a Luca Pairetto della sezione di Nichelino, VAR Di Paolo-Vivenzi. Fischio di inizio alle ore 12.30. Diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *