SPAL: per far punti a Brescia servirà una nuova convinzione

Imperativo categorico mettere in campo quell’ardore agonistico rimasto solo nelle intenzioni nelle gare con Cosenza e Crotone. Uno dei motivi che potrebbe aver indotto la società a anticipare di un giorno la partenza per la Lombardia. Indisponibili Esposito e Viviani, regia affidata a Zanellato.

Il trittico decisivo per la Spal si apre lunedì con la trasferta sul campo di un Brescia che ha una sola possibilità per sperare nella promozione diretta: aggiudicarsi tutti confronti previsti negli ultimi 270’ della stagione. Stando alla classifica, che vede le squadre di Corini e Venturato separate da 27 punti, non dovrebbe esserci partita, ma, per fortuna dei biancoazzurri, l’imprevedibilità nel calcio è sempre all’ordine del giorno. Certo è che per non uscire a mani vuote dal Rigamonti dovranno dar vita a una prestazione di ben altro spessore rispetto a quelle dei confronti con Cosenza e Crotone. Servirà una mini impresa ricordando anche le assenze di Esposito e Viavini. Il Brescia, ha fatto meglio in trasferta, dove ha vinto nove volte, contro i sette successi interni, ma va anche detto che ha fatto bottino pieno in quattro delle ultime cinque gare disputate di fronte al pubblico amico. Per certi versi cammino simile a quello della Spal che al Mazza ha conquistato solo 17 dei 35 punti fino a oggi racimolati. A questo punto della stagione, quando tutto è in gioco, seppur per obiettivi opposti, in gare da dentro o fuori come Brescia-Spal, tutto è possibile con i valori tecnici che spesso finiscono con il venire stravolti. E’ partendo da questi presupposti che la Spal dovrà affrontare la squadra che da un paio di settimane patron Cellino ha passato dalle mani di Pippo Inzaghi, con il quale non c’è mai stato grande feeling, a quelle di Eugenio Corini. I biancoazzurri dovranno riversare in campo quell’ardore agonistico che, non lo si può nascondere, nell’ultimo periodo, è rimasto troppo spesso confinato, per le stranezze che quotidianamente contraddistinguono la storia dello sport, nello spogliatoio. E’ possibile che proprio  l’obiettivo di generare un’opportuna scossa nel gruppo potrebbe aver indotto la società a anticipare di un giorno la partenza per la trasferta nella Città della Leonessa. “L’aspetto legato alla concentrazione -ha convenuto Venturato, a 48 ore dalla sfida di Brescia- è uno dei tanti con cui in questo periodo ci siamo confrontati. Solo a tratti siamo stati in grado di mantenere il giusto atteggiamento. E’ indispensabile rimanere con più continuità dentro alle partite e esprimere, sul piano tattico, quello che prepariamo e su cui lavoriamo. Ancora una volta tengo sottolineare che abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato. Anche per nostre responsabilità, abbiamo infatti sprecato tante occasioni per segnare e concesso troppo ai nostri avversari in fase difensiva. Dobbiamo essere più concentrati”. -A Brescia non sarà facile…- “Avremo di fronte -è intervenuto l’allenatore della Spal- una delle squadre più complete della categoria, con giocatori che hanno alle spalle anni di serie A, in piena corsa per la promozione, abituati a vincere. Dovremo cercare di attaccarli per non far loro esprimere il grande potenziale a disposizione”. -Mancheranno i due registi Esposito e Viviani…- “Possiamo contare su Zanellato -ha prontamente fatto presente Venturato- in questo ruolo ha giocato ventidue partite in serie A. Per il resto il gruppo è a completa disposizione e pronto a dare il massimo. Negli allenamenti tutti stanno dimostrando massima volontà di concludere nel migliore dei modi la stagione”. -La sensazione è che 4 punti dovrebbero garantire la salvezza- “E’ possibile -ha convenuto il tecnico biancoazzurro-, ma tutto è legato ai risultati delle nostre rivali dirette. Nelle ultime giornate, in cui sarebbe stato più opportuno far disputare tutte le gare in contemporanea( a Brescia la Spal giocherà dopo la fine delle altre partite ndr), le sorprese sono dietro l’angolo, ma è dall’inizio del campionato che ogni settimana arrivano risultati inaspettati. In questo momento dobbiamo solo pensare al confronto di Brescia”. -Dove non mancherà il sostegno dei tifosi, come vi hanno assicurato nell’incontro che avete avuto in settimana- “Non dobbiamo mai smettere di ringraziare il pubblico di Ferrara -ha tenuto sottolineare Venturato-, ci è sempre stato vicino anche in momenti difficili come questo. Qui c’è grande amore per la squadra della città. Noi abbiamo solo il dovere di accettare le critiche, che dobbiamo trasformare in energie, per dare tutto quando scendiamo in campo”.

Si potrebbe quindi vedere una Spal con Alfonso; Dickmann, Capradossi, Meccariello, Celia; Da Riva, Zanellato, Mora; Mancosu; Melchiorri, Latte Lath. Corini, che non avrà Palacio, ma dovrebbe recuperare Moreo, potrebbe rispondere con Joronen; Sabelli, Cistana, Adorni, Pajac; Bisoli, Van De Looi, Proia; Jagiello; Moreo, Bajic. Fischio di inizio alle ore 18.00 di Antonio Rapuano della sezione di Rimini. Radiocronaca diretta su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.