SPAL-PONTEDERA: 2- 1

Vittoria in rimonta, grazie alla doppietta di Di Francesco. Soddisfatto Marino

Foto-SPAL-Gandolfi

Marcatore: 6’s.t. Tommasini, 18′ e 32’st Di Francesco
SPAL: Thiam; Dickmann, Salamon, Vicari, Spaltro(1’st Tomovic); Castro(1’st Esposito), Missiroli(19’st Murgia), Valoti(1’st Strefezza); D’Alessandro, Floccari, Di Francesco(33’st Horvat).
12 Meneghetti, 15 Zanchetta, 17 Fiori, 18 Kryeziu, 21 Cuellar. All. Marino

Assenti i convocati per le varie rappresentative nazionali e Bonifazi, Viviani, Paloschi e Mazzocco. Non utilizzabili, in attesa di tesseramento Sala, comunque impegnato con l’Under 21, Sernicola e Brignola, per i quali l’arrivo in biancoazzurro si può dare certo.
Spaltro e Dikmann le uniche novità rispetto al gruppo che ha chiuso la scorsa stagione.

Il primo tempo si chiude senza gol. 45′ di sterile supremazia della squadra di Marino. Da registrare un colpo di testa di Castro e due tentativi dalla distanza di Valoti e Missiroli.

A inizio ripresa i primi cambi, con gli inserimenti di Tomovic, Esposito, da apprezzare per alcune precise giocate in verticale, e Strefezza e passaggio dal 4-3-3 al 3-4-3.
Al 6′ della ripresa Tommasini, sfrutta un regalo di Tomovic, che gioca un pallone in orizzontale dalla destra verso il centro, nella propria metà campo, e si presente solo davanti a Thiam che nulla può. Al 18′ arriva il pareggio spallino. Prodezza di Di Francesco che parte da destra, si accentra e fa partire una conclusione a giro che si infila imparabilmente all’incrocio dei pali. L’ex attaccante del Sassuolo si ripete al 32′ districandosi in area e piazzando il pallone dove il portiere avversario non può arrivare.

Marino soddisfatto della prestazione della squadra e soprattutto dell’impegno di tutto i giocatori a sua disposizione e di come tatticamente stanno interpretando e stanno applicandosi nei vari moduli tattici su cui si sta lavorando, utilizzando gli esterni con la possibilità di accentrarsi andando al tiro con il piede forte. Marino ha anche espresso grande stima sia sul piano professionale che su quello umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *