SPAL: primi deferimenti, altre penalizzazioni in vista

E’ arrivata l’ufficialità: la Spal è stata deferita ed anche i suoi rappresentanti Butelli, Bena e Gessi, dal Procuratore Federale, su segnalazione della Covisoc, per non aver documentato agli organi federali competenti gli avvenuti pagamenti degli emolumenti dovuti ai propri tesserati nei mesi di gennaio, febbraio, marzo 2012,  delle ritenute Irpef e contributi Enpals da luglio 2011 a marzo 2012. In merito Sergio Gessi fa presente che dal 29 gennaio non fa più parte del CDA e quindi esprime la sua meraviglia per essere stato chiamato in causa. Le sanzioni previste, oltre alle squalifiche dei rappresentanti societari  e ammende, porteranno certamente a due punti di penalizzazione, che potrebbero aumentare, perchè molto probabilmente sarà applicata la recidiva. Altri deferimenti ed ulteriori punti di penalizzazione(il totale potrebbe oscillare tra i 5 e i dieci) arriveranno per non aver rispettato la scadenza del 30 giugno, che prevedeva il deposito della fidejussione di 300.000 euro,  i pagamenti degli emolumenti ed i versamenti Irpef ed Enpals al 30 aprile dell’anno in corso. Il tutto confidando nell’iscrizione che sarà autorizzata solo nel caso, entro il 17 luglio, vengano saldate tutte le spettanze sopracitate. Nel frattempo proseguono i contatti tra i commercialisti di Butelli e del gruppo che fa capo a Pelliccioni, al lavoro con l’obiettivo di raggiungere l’intesa per l’avvicendamento nella proprietà della società biancoazzurra.

Un pensiero su “SPAL: primi deferimenti, altre penalizzazioni in vista

  • 06/07/2012 in 16:17
    Permalink

    Per favore pietà, basta butelli vattene via, vattene vattene vatteneeeeeee

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *