SPAL: Reggina, Salernitana, Pescara o si svolta o si fa dura

Tre partite in otto giorni per decidere il futuro di Marino e della sua squadra. Assenti Missiroli, Floccari, Ranieri e Seck. Tra i convocati torna Murgia

Sei gare, cinque punti, questo il cammino della Spal che ha preceduto la sfida con la Reggina al Mazza, cui faranno seguito, nello spazio di otto giorni, le trasferte a Salerno e Pescara. Potrebbe essere il momento chiave del campionato della squadra di Marino. “Siamo pronti a ripartire -ha affermato il tecnico delle formazione ferrarese alla vigilia del confronto con l’undici calabrese- fondamentale perché abbiamo perso qualche punto, una vittoria ci darebbe entusiasmo e morale in vista delle prossime due gare ravvicinate. Ci può essere qualche problema psicologico, ma dobbiamo anche guardare dentro alle partite. Ho sentito giudizi sulla gara di Vicenza che non condivido. Abbiamo avuto un buon approccio. Sul 2 a 0 penso che tutte le squadre avrebbero assunto il nostro atteggiamento. Non stavamo subendo gli avversari. Avevamo la partita in mano, anche sul piano del gioco, dovevamo essere più bravi nella fase di possesso e finalizzare di più sul fronte offensivo. I gol sono arrivati da episodi casuali e per errori nella fase difensiva. Una volta subita la rimonta abbiamo avuto un’ottima reazione, forse sbilanciandoci eccessivamente per la voglia di riportarci in vantaggio, concedendo tropo alle riprende del Vicenza. Un errore che non dovremo commettere con la Reggina, che conta molto sulla capacità di capovolgere il fronte, specie degli esterni. I tanti innesti del mercato di gennaio e il lavoro di Baroni hanno garantito solidità”. -A Vicenza si è rivisto il 4-3-1-2, modulo più adatto per la Spal, dopo gl innesti del mercato di riparazione?- “Non sono fondamentali i sistemi di gioco -ha prontamente risposto Marino-, determinante è l’approccio. E’ da inizio stagione che dobbiamo confrontarci con dei problemi. Mettere insieme un gruppo non è facile. E’ necessario considerare le condizioni fisiche, chi ha giocato più e chi meno. Abbiamo visto Asencio. Già nei pochi minuti con l’Empoli ha dimostrato possedere le caratteristiche che nessun altro giocatore del nostro gruppo ha, ma deve aumentare il minutaglie e l’intensità nei periodi in cui è in campo. Certamente dal suo innesto trarrà grande giovamento Paloschi. E attendiamo anche Tumminello, a sua volta in crescita. Nel preparare una gara vanno tenute in considerazione tante situazioni. Con la Reggina, ad esempio, oltre Missiroli e Floccari, che salteranno anche la trasferta di martedì a Salerno è fuori gioco, bloccato da un’otite, anche Ranieri, che invece dovrebbe tornare a disposizione martedì. E tra i convocati tornerà Murgia, anche il suo apporto potrebbe rivelarsi importante nella prossima fase del campionato. Ci sono poi da considerare le “diffide” per Tomovic e Vicari, che, fino ad oggi, ha sempre giocato. Uno resterà a riposo, visti anche gli impegni ravvicinati”. -Al proposito, tre gare in otto giorni, potrebbero essere decisive, per il futuro della squadra e suo…- “Io penso solo -ha risposto seccamente l’allenatore della Spal- alla partita con la Reggina. Lo spogliatoio è unito. I ragazzi vogliono i tre punti, per dimostrare che non è stato casuale il filotto di vittorie ottenuto proprio con la squadre che stiamo affrontando in questo periodo”.
Ipotizzabile quindi vedere una Spal con Berisha; Dickmann, Tomovic, Sernicola, Sala; Segre, Esposito, Mora; Valoti; Asencio, Paloschi. Sul fronte opposto Baroni, che ha cambiato volto alla Reggina, dopo essere subentrato a Toscano, lasciando spesso fuori i totem Menez e Denis, prevedibilmente in panchina anche a Ferrara, in una squadra, che a gennaio ha visto undici nuovi volti, potrebbe affidarsi, per cercare il settimo risultato utile consecutivo, a Nicolas; Lakicevic, Loiacono, Cionek, Liotti; Crimi, Crisetig; Edera, Folorunsho, Rivas; Montalto. Dirigerà Alessandro Prontera, della sezione di Bologna. Fischio di inizio alle ore 14.00. Radiocronaca su RadioInternational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *