SPAL: serve qualche colpaccio

E anche confidare nelle disgrazie altrui e sabato allenamento a porte aperte


Non è un momento facile per la Spal. Il ruolino di marcia non può lasciare tranquilli. Nelle ultime diciassette gare la squadra di Semplici ha messo in fila otto sconfitte, altrettanti pareggi ed una sola vittoria, a Parma. Totale undici punti, per una media di 0,65 a partita. Per tagliare il traguardo della salvezza sarà indispensabile un’accelerazione. Puntando sul fatto che le dirette rivali non sembrano in grado di aumentare in modo vertigionoso il loro passo, anche se il calendario del Bologna è estramamente favorevole alla truppa di Mihailovic, si può ipotizzare che a quota trentasei si potrà festeggiare la permanenza in serie A. Alla Spal servirebbero quindi tredici punti, da conquistare nelle ultime undici partite della stagione, media: 1,18. Indispensabile qualche risultato con le big che arriveranno al Mazza: Roma, Lazio, Juventus, Napoli e Milan e fare bottino pieno in casa con il Genoa. Poi ci saranno tutti gli scontri diretti in trasferta ad iniziare da quello di Frosinone, dove il risultato positivo è d’obbligo per non correre il rischio di rimettere in corsa proprio Beghetto, Salomon, Viviani e compagni. Testa a testa che poi proseguiranno a Cagliari, Empoli e Udine, con in mezzo la parentesi del confronto a Verona con il Chievo, da cui ovviamente si può pretendere solo la vittoria. Si diceva delle problematiche altrui, infatti poi molto dipenderà da come si comporteranno Empoli e Bologna entrambe, soprattutto i rossoblu, favorite dal calendario. La truppa di Mihalovic avrà la possibilità di sfruttare il fattore Dall’Ara ospitando Cagliari, Sassuolo, Chievo, Empoli, Samdporia e Parma, per concludere la stagione, sempre in casa, con il Napoli. Più impegnativo il cammino che attende l’Empoli, che potrebbe giocarsi molto nei confronti diretti con Frosinone, Bologna e Spal. E’ comunque ancora troppo presto per calibrarsi sul cammino delle avversarie. La Spal dovrà non lasciarsi scappare le occasioni che troverà sulla sua strada. La prima potrebbe presentarsi proprio domenica. L’Inter senza Peresic, Vecino e Nainnggolan, con Keita non al meglio, alle prese con il caso Icardi e con le fatiche accumulate nella gara di Europa League a Francorte, potrebbe anche pagar dazio. Ovviamente i pronostici sono tutti dalla parte della truppa di Spalletti, tra l’altro attesa da sessantamila tifosi pronti a spingerla per proseguire nella corsa per un posto in Champions, ma diciamo che dovrebbe essere meno pericolosa di quanto non lo sarebbe stato in un momento di ruotine. La Spal ha l’obbligo di provarci, anche se dovrà ancora rinunciare a Lazzari, la cui assenza prolungata sta facendosi sentire, per una squadra che ha basato molte delle sue fortune sulle accelerazioni dell’esterno non a caso finito nel mirino di Mancini. A Semplici e al suo staff il compito di trovare le giuste alternative, partendo dalla ricerca delle strategie tattiche per limitare i rifornimenti a Lautaro e gli inserimenti dei vari Brozovic, Politano e Joao Mario. Il tutto in attesa che Lazzari torni in piena forma dopo la sosta a partire dallo spareggio di Frosinone, dove si potrebbe iniziare a capire anche quale sarà l’apporto in grado di assicurare Jankovic che per quel periodo dovrebbe essere nelle condizioni fisiche ideali per ripsettare le attese di Davide Vagnati che, ha fatto di tutto per accappararselo ed è pronto a giurare che potrà essere un elemento molto utile alla causa biancoazzurra. E da segnalare che l’ultima parte della seduta di rifinitura, prima della trasferta a Milano, sarà svolta a porte aperte, con apertura canceli alle ore 11.45. Uno degli obiettivi può anche essere quello di consentire ai tifosi di caricare la squadra alla vigilia dalla sfida con l’Inter per assistere la quale, dal settore loro riservato al Meazza, sono 625 gli sportivi ferraresi che si sono assicurati il biglietto. Sono 2.470 i tagliandi venduti per Roma-Spal, di cui 1.181 acquistati dai supporters della squadra ora guidata da Claudio Ranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *