SPAL: settimana intensa e importante, per non dire determinante

Presentazione allenatore, prime firme per il passaggio di consegne e partenza della squadra per il ritiro

Martedì alle 10.00 primo contatto diretto con Pep Clotet, che Giorgio Zamuner presenterà alla stampa. Significativo il fatto che spetti, in solitaria, all’ex centrocampista della Spal di G.B. Fabbri il compito di accompagnare il nuovo allenatore della formazione ferrarese nel giorno della sua prima uscita in biancoazzurro. Da una parte per confermare che avrò lui l’onere e l’onore di affrontare il mercato e dall’altra che si può dare per certo il trasferimento del pacchetto di maggioranza delle quote azionarie, visto che, per la prima volta dal giorno in cui è arrivata l’ex proprietà della Giacomense alla guida della Spal, non sono presenti alla presentazione del nuovo allenatore né il presidente Walter Matioli, né Simone o Francesco Colombarini. Una conferma quindi che l’avvento di Joe Tacopina è veramente alle porte. Mercoledì dovrebbero essere formalizzati i primi atti. Dopo che i commercialisti Argentini, a curare gli interessi ferraresi e Scibilia, che dovrebbe avere anche in futuro un ruolo da supervisor, quelli USA, hanno studiato tutto nei particolari, dovrebbero arrivare le prime firme. Allo scopo l’arrivo di Tacopina all’ombra del castello estense è atteso per mercoledì, come la prima fumata bianca. Formalizzato questo primo atto si capirà quando e fino a che punto la nuovo proprietà entrerà nella gestione. Non si prevedono grandi rivoluzioni. Salde paiono le posizioni di Andrea Gazzoli e Giorgio Zamuner e rassicurazioni sarebbero arrivate anche per il personale dipendente della società. Attese però risposte ai tanti interrogativi che si rincorrono in questi frangenti. Su quante risorse potrà contare il Direttore per costruire la squadra e in che tempi, anche considerando che domenica la Spal 2021/2022 salirà a Mezzana? Che ne sarà del settore giovanile, specie dopo la separazione da Ludergnani? Lo speranze è che tutto possa avvenire nelle prossime ore, senza dover aspettare il “closing” per il quale invece si dovrà aspettare alcune settimane, che potrebbero rivelarsi fondamentali per la campagna acquisti e cessioni. Chissà che proprio Tacopina, non decida, dopo le prime firme, di illustrare in prima persona intenzioni e progetti, senza attendere di completare tutto l’iter burocratico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *