SPAL: si entra nella fase decisiva

Dalla trasferta di Monza a quella di Como in meno di un mese

Sette partite in ventun giorni, si profila una fase destinata ad avere un peso fondamentale nel campionato di serie B. Per la Spal trasferte a Monza, Vicenza, Parma, Como e match interni con Reggina, Ternana e Cittadella. Ce n’è per tutti i gusti, da squadre che puntano in alto, a quelle il cui obiettivo è assestarsi a centroclassifica, ai confronti diretti con le formazioni di Stellone e Brocchi, che i biancoazzurri affronteranno martedì e sabato della prossima settimana. Prima ci sarà la trasferta nella tana del Monza che, dopo gli innesti(Mancuso, Molina, Ramirez) del mercato di gennaio può contare forse sull’organico meglio assortito, sul piano tecnico e numerico, della categoria. Stroppa non è però ancora parso in grado di assicurare alla sua corazzata la compattezza che le dovrebbe competere. Lo dice la classifica che vede i brianzoli a cinque punti dal secondo posto. IntuibiLe quindi lo spirito con cui affronteranno la Spal, che dovrà sfoderare una prestazione super per far punti dall’U-Power Stadium, dove i biancorossi sono imbattuti e hanno vinto otto delle dieci partite disputate. Venturato spera di mantenere la sua imbattibilità. Sarebbe molto importante per morale e autostima, in vista degli “spareggi” con Reggina e Vicenza. Come a Lignano l’allenatore della Spal dovrà fare i conti con le assenze. Certamente non saranno disponibili Meccariello squalificato e Viviani, alle prese con un problema muscolare, già accusato la scorsa stagione, che lo dovrebbe relegare in tribuna anche martedì. Pronto al rientro Mora. Da verificare le condizioni di Da Riva, il tutto sperando non emergano altri forfait che, non potendo assistere agli allenamenti, si vengono allo scoperto solo alla viglia delle partite. Le operazioni di mercato sono state proprio indirizzate in questo senso e già a Lignano ne abbiamo avuto una riprova, con gli inserimenti di Pinato, Zanellato, Finotto e Vido. Lecito porsi l’interrogativo su come sarebbe potuta finire, considerando le indisponibilità di tutti i centrocampisti titolari e con un Colombo, come sottolineato da Venturato, che ha bisogno di rifiatare, dopo aver tirato la carretta per tutto il girone di andata e con la necessità di fare altrettanto nel ritorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.